Home Cultura IIS Vallelunga Marianopoli: “Facciamo una favola con lo storytelling I-Theatre”, progetto con...

IIS Vallelunga Marianopoli: “Facciamo una favola con lo storytelling I-Theatre”, progetto con cui gli studenti creano e narrano col digitale

459 views
0

Vallelunga – Il 31 maggio scorso presso la Scuola Primaria “F. Sorrentino” di Vallelunga Pratameno dell’Istituto Comprensivo “Vallelunga-Marianopoli”, guidato dalla Dirigente Scolastica Claudia S. Amico, si è concluso  Facciamo una favola con lo storytelling I-Theatre”. Il progetto ha visto coinvolti i bambini della 1° A e della 1° B, seguiti dall’esperto interno Ins. Domenica Callari e dalla tutor Ins. Cristina Catania.

“Obiettivo del progetto – spiegano i promotori –  è stato quello di sviluppare le capacità narrative, linguistiche e creative dei bambini attraverso i disegni, le parole, le rime e i suoni da trasformare in digitale L’I-Theatre è un atelier narrativo mobile, progettato per essere utilizzato da coloro che intendano cimentarsi nella costruzione digitale di un racconto. L’utilizzo dell’I-theatre ha permesso di dare vita e forma interattiva all’attività didattica e sviluppare dei percorsi inediti di apprendimento. Si tratta di una tecnologia innovativa che consente di animare disegni e racconti, costruire delle storyboard e realizzare delle produzioni digitali progettate da insegnanti e bambini. Questo strumento didattico crea un contesto interattivo in cui le attività tradizionali di manipolazione di oggetti, disegno, racconto orale, lettura, gioco simbolico teatrale e musica vengono integrate in naturale continuità con l’utilizzo dei media digitali, rendendo i bambini stessi attori e produttori degli artefatti. È altresì uno strumento che ha permesso di raggiungere precisi traguardi educativi, ma anche lo sviluppo di competenze chiave e trasversali con un forte focus sull’inclusione, la cooperazione, la relazione, rappresentando, quest’ultime, un punto di forza del progetto.

Il corso PON-FSE Facciamo una favola con lo storytelling I-Theatre ha riguardato l’invenzione e la costruzione di una storia fantastica; la tematica, scelta dai bambini stessi è stata l’amicizia tra una mucca, un cavallo e una tartaruga che incontrano una fatina, anzi la salvano da una brutta disavventura. I bambini, aiutati dalle insegnanti hanno realizzato gli sfondi e i personaggi attraverso il disegno e hanno trasformato il racconto in rima, per rendere ancora più magica e più divertente la storia. Il prodotto è stato successivamente scansionato sul tavolo interattivo, l’I-theatre appunto, apportando le varie modifiche ai disegni con le apposite carte di lavoro. La storia è stata poi raccontata con la voce dei bambini e registrata. Nella fase conclusiva il progetto è stato trasformato in video: i bambini hanno potuto rivedere così che il loro racconto è diventato una simpatica animazione digitale realizzata con le loro mani e le loro voci.

“Il lavoro con l’I-theatre  – spiega ancora l’insegnante Catania – è stato complesso ma di grande impatto emotivo; è stato anche piacevole ed intuitivo ed i bambini sono stati guidati nel rappresentare le fasi salienti dell’attività, con divertimento e curiosità. I risultati ottenuti sono stati proficui dal punto di vista didattico ed educativo ed hanno fornito numerosi spunti metodologici che potranno essere approfonditi in seguito.

Determinante si è rivelata la collaborazione delle famiglie, che hanno sostenuto la presenza assidua dei bambini, del Collaboratore Scolastico Sig. Leonardo Fiorella, dell’Assistente Amministrativo Vincenzo Dentico, del Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi Giuseppe Gaeta, della Dirigente Scolastica e delle insegnanti curricolari che, ognuno per la propria competenza, hanno condiviso in pieno l’iniziativa e permesso la buona riuscita del progetto”.

Naturalmente l’apprezzamento più significativo va ai bambini che, con la loro unicità, hanno reso il progetto esclusivo e speciale.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi