Home Cronaca Inquinamento a miniere «Bosco-Palo»: Mussomeli, Serradifalco e San Cataldo non si costituscono...

Inquinamento a miniere «Bosco-Palo»: Mussomeli, Serradifalco e San Cataldo non si costituscono parte civile

3.589 views
0

Mussomeli – Il Comune di Mussomeli, così come anche Serradifalco e San Cataldo, non hanno chiesto di costituirsi parte civile all’udienza preliminare a carico di tre dirigente regionali tirati in ballo per problemi ambientali alla miniera Bosco-Palo.

La richiesta di rinvio a giudizio pende sul settantaseienne Felice Crosta, il quarantaquattrenne Dario Ticali e il cinquantenne Marco Lupo.

Il primo come vice commissario delegato per l’emergenza bonifiche, gli altri due come titolari della struttura del soggetto attuatore del commissario delegato per bonifiche e risanamento ambientale.

La costituzione di parte civile è stata chiesta dal ministero dell’Ambiente, dall’associazione «No Serradifalko» e Wwf Sicilia Centrale (assistiti dagli avvocati Giuseppe Laspina, Salvatore Sollami e Salvatore Patrì).

I tre, secondo la tesi accusatoria, in relazione alla gestione del dismesso sito minerario «San Cataldo Bosco – Palo», si sarebbero resi responsabili di condotte colpose nonostante le posizioni di garanzia da loro rivestite.

In particolare, cinque anni addietro, avrebbero omesso ogni controllo, la messa in sicurezza e la bonifica della discarica di rifiuti che sarebbe stata realizzata nella zona in questione.

Sulla base di queste omissioni – sempre per l’accusa – avrebbero provocato un disastro ambientale tenendo una enorme quantità di rifiuti pericolosi, amianto compreso. Una montagna di eternit.

Il sito non sarebbe mai stato ripulito. Ma i controlli disposti dalla procura avrebbero escluso la presenza di materiale radioattivo ammassato nel sottosuolo.

E  la presunta maggiore incidenza dei neoplasie nella zona del vallone, che sarebbe stata rilevata dal registro dei tumori, non sarebbe poi stato provato sotto il profilo scientifico.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi