Home Cronaca Intitolata a don Vincenzo Sorce la traversa di viale della Regione che...

Intitolata a don Vincenzo Sorce la traversa di viale della Regione che dà accesso a Villa Ascione

388 views
0

Caltanissetta – La strada traversa di viale della Regione che (costeggiando l’ex caserma cap. Franco) dà accesso alla comunità Villa Ascione di Casa Rosetta sarà intitolata a don Vincenzo Sorce, benemerito fondatore dell’Associazione e di questa stessa comunità che da quasi quarant’anni opera per il recupero dalle dipendenze patologiche. L’intitolazione della strada è stata deliberata lunedì sera dalla giunta comunale che ha accolto la proposta/richiesta avanzata recentemente al sindaco Roberto Gambino dall’attuale presidente di Casa Rosetta, Giorgio De Cristoforo. La giunta comunale ha riconosciuto, nella deliberazione, l’opportunità di ”dare riconoscimento all’illustre religioso Vincenzo Sorce” che “ha fondato nel 1985 l’Associazione Casa Famiglia Rosetta, per l’aiuto, la cura, la riabilitazione di persone fragili, disabili, emarginate, dipendenti patologiche da droga, ed ha anche fondato un’associazione figlia in Brasile (città di Porto Velho, Rondonia) che opera pure per la riabilitazione di disabili e il trattamento delle tossicodipendenze ed, inoltre, una missione in Africa (città di Tanga, Tanzania), che accoglie bambini disabili o sieropositivi dalla nascita, orfani o in situazione di grave disagio familiare”. Don Vincenzo, nato a Serradifalco e scomparso il 4 marzo 2019, è stato anche docente nella facoltà teologica di Palermo e benemerito testimone di solidarietà, di carità cristiana, di sostegno delle persone in difficoltà. Oggi Casa Rosetta opera con tredici strutture, svolge anche un corso di laurea triennale per la formazione di educatori professionali, ha a Caltanissetta il nucleo principale delle sue attività, e costituisce pure una solida e rilevante opportunità di lavoro con i suoi 240 dipendenti. La delibera di intitolazione della strada diventerà esecutiva, con l’apposizione di una targa toponomastica, appena la prefettura darà il prescritto nulla osta e saranno compiuti gli ulteriori adempimenti amministrativi.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi