Home Cronaca Irregolarità nel centro per migranti, in undici sotto accusa

Irregolarità nel centro per migranti, in undici sotto accusa

345 views
0

Caltanissetta – È per presunte irregolarità legate a un centro per migranti che sono stati chiamati in causa. Finendo prima al centro di un’indagine e, adesso, di un procedimento che ne è derivato.

L’ipotesi della magistratura è che si siano consumate una serie d’irregolarità sotto diversi punti di vista. A cominciare dalla struttura stessa, poi andata in disuso e che sarebbe stata vandalizzata.

Da un lato s’ipotizzerebbe la truffa in relazione alla realizzazione del centro a Gela, dall’altro lavoro nero nella fase gestionale vera e propria

Ma nel mirino degli inquirenti è finita anche la gestione vera e propria quand’era in attività, guardando sia agli ospiti che ai lavoratori. Tant’è che alcuni ex operatori hanno chiesto e ottenuto di potersi costituire parte civile in dibattimento.

E per questa vicenda in undici sono stati chiamati in giudizio. In testa l’imprenditore Pietro Biondi a capo di una cooperativa capofila di un’associazione temporanea d’imprese che avrebbe gestito lo stesso centro per migranti.

Oltre all’imprenditore il procedimento interessa anche Carmela D’Angeli, Francesca Politi, Gaetana Franco, Gemma Iapichello, Giuseppe Palumbo, Katarzyna Chylewska, Rosaria Bilardi, Rosetta Cialdino, Salvatore Scilleri e Vincenzo Castelletti. Sono tutti chiamati al cospetto del tribunale di Gela.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi