Home Cronaca Mafia di Campofranco, sospetti boss e fiancheggiatori chiedono la scarcerazione

Mafia di Campofranco, sospetti boss e fiancheggiatori chiedono la scarcerazione

1.296 views
0

Campofranco  – Si appella al «Riesame» il capomafia di Campofranco. Così come altri suoi sospetti scudieri, a cominciare dal nipote, che hanno presentato istanza al tribunale, ma il suo presunto braccio destro no.

A ricorrere contro la misura cautelare è colui che è ritenuto il capo della famiglia di Cosa nostra a Campofranco, il sessantunenne Angelo Schillaci, 61 anni. Lui che già toccato, in passato, dalle indagini «Grande Oriente» e «Urano», secondo gli inquirenti nel 2001, dopo l’arresto di Domenico «Mimì» Vaccaro, ha raccolto l’eredità come rappresentante provinciale di Cosa nostra.

Una “famiglia”, quella di Campofranco, che secondo lo spaccato tracciato dall’accusa si stava sì ricostituendo ma con non poche difficoltà. Lamentando non solo la mancanza di quattrini, ma anche di armi. «Una pistola, non abbiamo neanche grana per acquistare una pistola», è lo sfogo, raccolto in una intercettazione, del presunto più stretto uomo di fiducia del capomafia, Claudio Di Leo. «Io neanche una pistola ho, un morso di pistola me l’ha dovuta prestare mio cugino… gli ho detto “scendimi la pistola a casa che non si sa mai che io abbia bisogno… qua siamo tutti senza stigli”…», è Schillaci a rincarare la dose

E al «Riesame» si sono rivolti anche il nipote del boss, Calogero Schillaci, 44 anni, il milenese Gioacchino «Iachino» Cammarata di 54, il campofranchese Calogero Maria Giusto Giuliano di 72 anni e il castelterminese Vincenzo Spoto, 66 anni (assistiti dagli avvocati Antonio Impellizzeri, Giuseppe Scozzari, Carmelo Amoroso e Giuseppe Bongiorno) tutti in carcere da una decina di giorni, quando è scattato il blitz dei carabinieri.

Non hanno fin qui avanzato istanza il presunto braccio destro del boss, il campofranchese Claudio Rino «spatuzza» Di Leo, 64 anni – che probabilmente non ne presenterà – il milenese Paolino Giuseppe Santo Schillaci di 56, i campofranchesi Gian Luca Lamattina, 51 anni e Fabio Giovenco di 51, entrambi ai domiciliari con il braccialetto elettronico  (avvocati Dino Milazzo, Pietro Sorce, Maria Vizzini, Damiano Manta e Ferdinando Milia) quest’ultimo ancora in attesa che il gip David Salvucci si pronunci sulla richiesta di revoca della misura cautelare.  Altri potrebbero ricorrere al tribunale della libertà nelle prossime ore.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi