Home Cronaca «Marito violento» condannato, ora è indagato per abusi sessuali

«Marito violento» condannato, ora è indagato per abusi sessuali

702 views
0

Riesi – Colpevole di lesioni alla moglie. Ma si ritrova pure indagato per abusi sessuali. Perché il giudice, tra le pieghe della sentenza, ha trasmesso gli atti alla procura perché indaghi in tal senso.

Così per un giovane di Riesi – assistito dall’avvocato Vincenzo Vitello – finito in giudizio per maltrattamenti e lesioni. Per quest’ultimo capo d’imputazione è stato condannato a un anno di reclusione.

E in più dovrà risarcire anche la moglie – assistita dall’avvocato Giovanni Maggio – secondo l’entità che poi sarà stabilita in un procedimento di natura civile.

Per quanto riguarda l’ipotesi di maltrattamenti, invece, gli atti sono stati trasmessi alla procura perché si potrebbe profilare l’ipotesi di violenza sessuale. Così ha disposto il giudice.

Incartamenti alla procura anche per due testi chiamati in dibattimento e che si sarebbero resi responsabili di falsa testimonianza.

Perché la moglie, deponendo, ha sostenuto che in più di una circostanza sarebbe stata costretta subire rapporti non voluti. E il marito sarebbe andato su tutte le furie per lo scambio di telefonate con sue amiche, magari per uscire un po ’.

La vicenda, attorno a cui s’è incentrato il procedimento, risalgono al 2014. Lui avrebbe sempre assunto atteggiamenti violenti nei confronti di lei. L’avrebbe anche presa a botte e – sempre secondo i contenuti della denuncia della donna – l’avrebbe costretta a rapporti non voluti.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi