Home Cronaca ‘Mazzette’ a Protezione civile Sicilia, 2 arresti. I soldi riguardavano anche un...

‘Mazzette’ a Protezione civile Sicilia, 2 arresti. I soldi riguardavano anche un intervento consolidamento a Campofranco

1.074 views
0

Campofranco – Un funzionario della Protezione civile regionale siciliana avrebbe ottenuto soldi da un imprenditore per velocizzare i pagamenti di lavori eseguiti, alcuni dei quali a Campofranco. In particolare l’ imprenditore messinese, Sebastiano Grillo, 69 anni, si presentò con le “caramelle” nell’ufficio della Protezione civile della Regione siciliana per una società La Nuova Tecnopolis, che  si è aggiudicata una commessa da 82 mila euro dal Comune di Campofranco, per il ripristino della viabilità nella zona industriale. . Mise la mano in tasca e consegnò un pacchetto al funzionario Luigi De Luca, 56 anni. Non si trattava di caramelle, ma di soldi. Una tangente per velocizzare le pratiche e i pagamenti delle fatture, ritengono il procuratore aggiunto Sergio Demontis e i sostituti Andrea Fusco e Chiara Capoluongo.

I finanzieri del Comando provinciale di Palermo hanno arrestato (ai domiciliari) i due indagati per corruzione. L’ordinanza di custodia cautelare è firmata dal giudice per le indagini preliminari Paolo Magro.

Le indagini, condotte dagli specialisti del Nucleo di polizia economico finanziaria guidati dal colonnello Gianluca Angelini, si sono concentrate su De Luca addetto alle procedure di liquidazione. In cambio di una imprecisata somma di denaro il funzionario si sarebbe attivato per velocizzare i controlli di propria competenza e sollecitare i colleghi a fare in fretta affinché venissero pagate fatture per circa 130.000 euro.

I soldi riguardavano due interventi di consolidamento eseguiti dalla “Nuova Tecnopolis srl” e dalla “Grillo Infrastrutture srl” nei comuni di Campofranco, come detto, e Novara di Sicilia, nel Messinese. Non sono gli unici lavori su cui indaga la Procura diretta da Maurizio de Lucia.

In una nota dei finanzieri si parla di “gravi forme di reato contro la pubblica amministrazione che alterano le regole della sana concorrenza e danneggiano gli onesti, incidendo negativamente anche sulla qualità dei servizi forniti ai cittadini”.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi