Home Cronaca Morì in un incidente in cantiere, scatta il processo per dieci   

Morì in un incidente in cantiere, scatta il processo per dieci   

464 views
0

Gela – In dieci saranno processati per la morte di un operaio. È quanto ha disposto il giudice per le udienze preliminari per il decesso di un operaio gelese in cantiere.

La vicenda giudiziaria è legata all’incidente che il 4 novembre di sette anni fa è costata la vita dell’operaio Rocco Iacona, a quel tempo quarantaquattrenne, sposato e padre di figli. È morto schiacciato tra una pala meccanica in manovra e un furgone che era rimasto impantanato.

Il collega che stava manovrando il cingolato – ora sotto processo in altro troncone – non si è accorto della sua presenza. E per Iacona non c’è stato nulla da fare.

La vittima lavorava per la «General Service» ditta impegnata nel conferimento dei rifiuti nella discarica consortile di contrada Timpazzo, a  una quindicina di chilometri da Gela.

Ora a giudizio andranno Carmelo Lanzarone,  Daniele D’Aquila Filippo Indorato,  Giuseppe Morello,  Giuseppe Panebianco,  Manuela Greco , Nunzio Lipomi,  Ruben Gianporcaro,  Sergio Montagnino e  Vincenzo Greco   – assistiti dagli avvocati Giuseppe Dacquì, Davide Anzalone, Angelo Cafà,  Antonio Gagliano, Maria Licata, Fabio Fargetta , Laura e Alessandro Geraci –  tra loro anche vertici  dell’Ato Cl2 sotto al cui gestione era la discarica.

Omicidio colposo, l’imputazione loro contestata, la stessa per cui è sotto processo l’altro operaio che manovrava la pala meccanica.

Nei loro confronti – assistiti dall’avvocato Carmelo Tuccio – i familiari della vittima saranno parte civile nel procedimento che si aprirà ad aprile.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi