Home Cronaca «Morte sospetta al Sant’Elia», la procura decide sull’autopsia

«Morte sospetta al Sant’Elia», la procura decide sull’autopsia

1.164 views
0

Caltanissetta – Sarà la procura a decidere nelle prossime ore se disporre l’autopsia sulla salma della donna morta in una sala operatoria dell’ospedale «Sant’Elia» di Caltanissetta.

Sì perché intanto la salma della cinquantatreenne Antonella Geraldi, non è stata restituita ai familiari in attesa che la magistratura decida sull’esame necroscopico.

Le indagini sono curate dai carabinieri a cui i familiari della vittima – assistiti dagli avvocati Giuseppe Panepinto e Massimo Dell’Utri – hanno presentato un esposto chiedendo di fare chiarezza sulla vicenda.

Per verificare eventuali “macchie” in quella catena sanitaria cha ha assistito la donna dal momento del suo arrivo in ospedale, fino a quando il suo cuore s’è fermato per sempre.

La paziente è arrivata nella notte al pronto soccorso e sarebbe stata sottoposta a diversi esami. Fino a quando il mattino successivo, dopo una tac, è stata diagnosticata una occlusione intestinale.

Da qui la decisione di trasferire la donna al reparto di chirurgia per un’assistenza più approfondita- E in un primo momento, secondo la ricostruzione dei familiari, si sarebbe fatta strada l’ipotesi di un possibile intervento da effettuare sulla loro familiare lo stesso pomeriggio di giovedì.

Ma poi tutto sarebbe stato rimandato al giorno dopo.  E quando la paziente è arrivata sotto i ferri, però, qualcosa non sarebbe andato per il verso giusto. Il suo cuore s’è fermato e i medici non hanno potuto fare nulla per strapparla alla morte.

I familiari hanno chiesto l’intervento dei carabinieri che hanno acquisito le cartelle cliniche, mentre marito e figli della vittima hanno formalizzato l’esposto al comando provinciale.

Vincenzo Falci

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi