Home Cronaca Mussomeli-Cammarata/S. Giovanni Gemini inaugura la stagione delle Candel Night Fidapa 2023/2024

Mussomeli-Cammarata/S. Giovanni Gemini inaugura la stagione delle Candel Night Fidapa 2023/2024

2.227 views
0

Mussomeli – Sabato 17 febbraio a Villa Fenice si è tenuta la prima Candel Night dell’anno sociale FIDAPA Distretto Sicilia 2023-2024 a cura delle due sezioni “sorelle” Mussomeli e Cammarata/S. Giovanni Gemini. Un rito di luce che rappresenta l’appuntamento più importante e rappresentativo dell’anno per l’associazione fondata a Ginevra, nel 1930, dalla giurista americana Lena Madesin Phillips, con lo scopo di riunire le donne professionalmente attive di tutto il mondo, in un periodo storico politicamente ed economicamente difficile. “Il momento più importante dell’anno sociale che simboleggia l’abbraccio di tutte le donne del mondo aderenti alla BPW International di cui fa parte la FIDAPA”, come si legge nel cerimoniale.

Presenti la presidente del Distretto Sicilia, Letizia Bonanno, la vicepresidente Membership BPW International, Giuseppina Seidita, la già presidente distrettuale Rosa Maria La Scola, la vicepresidente distrettuale Ina Di Figlia e la coordinatrice del Collegio dei Revisori dei Conti del Distretto Sicilia, nonchè socia della sezione di Cammarata/S. Giovanni Gemini, Valentina Billero.

Hanno officiato la serata le due segretarie di sezione, Maria Carmela Pitonzo per Mussomeli e Flavia Russotto, mamma all’ottavo mese di gravidanza, per Cammarata/S. Giovanni Gemini.

Dopo gli inni italiano, internazionale e FIDAPA, e i saluti di rito, sono intervenute la presidente della sezione ospitante, Maria Teresa Canalella, e la presidente della sezione di Cammarata/S. Giovanni Gemini, Rosalia Tatano, che hanno letto rispettivamente il saluto della presidente internazionale e della presidente nazionale, la ragusana Cettina Corallo che, nel 2018, ha tenuto a battesimo la sezione di Mussomeli.
Assente, per sopraggiunto lutto familiare, la madrina della sezione di Cammarata/S. Giovanni Gemini, già presidente nazionale, la palermitana, canicattinese d’adozione, Cettina Oliveri che ha anche fortemente voluto anche la costituzione della sezione di Mussomeli e che non ha mancato di inviare il suo saluto per mezzo della presidente Tatano.
A seguire, gli interventi dei sindaci presenti, a partire dal padrone di casa, Giuseppe Catania, Custode Zimbardo di S. Giovanni Gemini, Giuseppe Mangiapane di Cammarata e Antonella Comparetto di Prizzi. A conclusione le autorità Fidapa, Giuseppina Seidita e Letizia Bonanno. Tutti gli interventi hanno vertito sull’importanza dell’associazionismo e sulla valenza di una proficua collaborazione fra istituzioni e associazioni, esaltando il ruolo e la figura della donna nella società. In particolare la presidente del Distretto che, ad ottobre scorso, sempre dal piccolo comune montano ha iniziato la sua tornata di passaggio delle consegne all’interno delle varie sezioni, ha elogiato il lavoro di collaborazione delle due sezioni, un percorso di crescita all’insegna della condivisione che è stata felice di toccare con mano. “Unite per unire” lo slogan che accompagnerà il biennio della Bonanno come presidente distrettuale che da Villafranca Tirrenica si appresta a dare vita al suo tour in lungo e largo per la Sicilia e che comunque “promette” di portare nel cuore il ricordo e l’emozione di questo incontro.

Emozionante, poi, il momento di presentazione delle nuove socie -correlato alla cerimonia- otto per Mussomeli e undici per Cammarata/ S. Giovanni Gemini che, accompagnate da due madrine, sono state insignite del distintivo blu e giallo raffigurante la Vittoria alata, simbolo dell’associazione. Notevoli e tutti di altissima qualità umana e professionale gli incrementi delle due sezioni, in territori in cui la vita associativa non sempre gode di ottima salute. Con i dovuti distinguo fra i due territori che invero costituiscono realtà molto differenti per tessuto economico e sociale. E, in questo senso, il valore di un pensiero che unisce acquisisce una valenza ancora più grande. Dalle valli ai monti Sikani e, per converso, dai monti alle valli!

A conclusione del cerimoniale, dalla carica rituale fortemente simbolica, il suggestivo momento dell’accensione delle candele. Un’importante tradizione che si ripete dall’inverno del 1942, ogni candela accesa allora rappresentava una nazione del mondo che veniva spenta nel momento in cui entrava in guerra. Le rimanenti accese rappresentavano la speranza e la Pace in sostegno delle altre nazioni. Oggi, la Cerimonia rappresenta l’abbraccio di tutte le donne appartenenti alla FIDAPA, nella condivisione degli stessi ideali di sorellanza e di emancipazione.

Ultimati i convenevoli istituzionali, la serata è proseguita a tavola, con sottofondo di arpa a cura di Rosellina Guzzo che si è alternata al dj salvo Piparo gentilmente sponsorizzato da chef Vincent il quale ha altresì curato, in maniera ineccepibile, l’outfit della sala. Curando con meticolosità i dettagli dell’allestimento non solo dei piatti e facendo sentire i partecipanti membri di una grande famiglia, pur nella cosapevolezza della presa che esercita sul suo pubblico.
Un particolare ringraziamento va a tutte le socie -anima e talenti delle sezioni!- per la presenza e che, a vario titolo, hanno contribuito alla buona riuscita dell’evento. Particolarmente impegnate le già citate segretarie oltre ovviamente alle presidenti, e le tesoriere, Claudia Falletta e Lucia Russotto. La vicepresidente di Cammarata/S. Giovanni Gemini per le foto, Ilaria Sparacello per la torta a tema, Maria Antonietta Vullo per i gadget e il B&B Luna d’Arte di Teresa Canalella. Grazie alle sezioni di Agrigento, Caltanissetta e Canicattì presenti con le presidenti e past di sezione, Cettina Sala e Carmelina Guarneri, Maria Gallo e Rosaria Impaglione, Lavinia Napoli e Giovanna Garlisi.
Che sia un biennio di luce e sorellanza, senza peraltro trascurare la fratellanza!

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1.6 / 5. Vote count: 5

Vota per primo questo articolo

Condividi