Home Cronaca Mussomeli, la statua di San Pasquale torna all’antico splendore

Mussomeli, la statua di San Pasquale torna all’antico splendore

1.412 views
0

Mussomeli – L’avvenuto restauro della scultura di S. Pasquale Bylon, custodita nella Chiesa dei Monti a Mussomeli, a cura di Eliana Valenza, laureanda in Restauro presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo, è stato commissionato dai fratelli Alfonso e Vincenzo Fasino, storici congregati della Congregazione di S. Pasquale, il santo protettore dei pastori ma anche dei pasticceri e delle donne in attesa di marito. L’opera, in legno policromo,  raffigura S. Pasquale di Bylon e con molta probabilità risale al XVIII secolo. Incaricata del restauro, su commissione della famiglia Fasino, è la giovanissima Eliana Valenza, laureanda in Restauro, con  una viscerale passione per l’arte. Quasi una devozione -confermata sul campo-  potrebbe dirsi visti i vari soggetti religiosi locali e non-  sui quali ha potuto posare le mani. Mani giovani appunto ma non per questo meno esperte o sapienti.  Nel caso di specie, il restauro conservativo ha previsto il consolidamento strutturale della scultura e del basamento, il risanamento delle lesioni della veste del santo, l’intervento strutturale del basamento al fine di garantire una migliore movimentazione durante le varie fasi delle processioni legate ai riti tradizionali e in modo da limitare i danni al piede destro -che peraltro è stato ricostruito- e alle altre parti dell’opera. E’ stata poi eseguita la pulitura e la rimozione di ridipinture non originali nei piedi e nelle mani, e una pulitura superficiale del viso. E’ stata reintegrata la pittura passando dalla preliminare fase della stuccatura. Infine, la fase conclusiva ha previsto la verniciatura con funzione estetica e conservativa. Per quanto attiene alla data e all’autore non vi sono informazioni a riguardo ma l’autrice del restauro ha ipotizzato che potrebbe risalire al 1700. Il restauro è stato eseguito in loco ed è durato circa un mese. Evidentemente ha richiesto particolare preparazione tecnica oltre che abilità, competenza, pazienza e meticolosità, come per tutti i lavori manuali e di precisione, perdipiù trattandosi di un originale da restituire alla sua originaria bellezza. La cerimonia religiosa in onore dell’avvenuto restauro, si è tenuta sabato 10 dicembre presso la Chiesa dei Monti. Presenti, oltre alla Congregazione di S. Pasquale, anche una piccola rappresentanza dell’Arciconfraternita del S.S. Sacramento, da cui la chiesa dei Monti dipende, il sindaco Catania e l’assessore Michele Spoto.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.3 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Condividi