Home Cronaca Mussomeli, un vademecum su Internet e i suoi pericoli

Mussomeli, un vademecum su Internet e i suoi pericoli

631 views
0

Mussomeli – Si è tenuta martedì 31 gennaio alle ore 9.00, nella Sala Giunta del Palazzo comunale di Mussomeli, su iniziativa dell’assessore alle Politiche Sociali, Daniele Frangiamore, la conferenza stampa per la presentazione del vademecum sulla rete internet e i suoi pericoli. Vademecum predisposto in collaborazione con lo staff dei Servizi sociali del comune e propedeutico a due importanti eventi formativi che avranno luogo presso il cinema Manfredi, nei giorni 3 e 10 febbraio, con le scuole secondarie di primo grado, del primo e del secondo Istituto comprensivo.

Alla presenza della stampa locale, dei rappresentanti dell’Ufficio Politiche Sociali, dell’equipe del PAIS, di Giovanni Mancuso, quale cultore e divulgatore dei fatti e delle tradizioni locali, sono intervenuti, nell’ordine: il sindaco, onorevole, Giuseppe Catania, l’assessore Frangiamore, la dottoressa Anna Maria Annaloro e la dottoressa Mariangela Scichilone.

“Un tema di assoluta attualità” quello dei pericoli e rischi della rete, dal grooming, al cyberbullismo, fino al furto d’identità, passando per sessualità in rete e dipendenze on-line che “nonostante le poche segnalazioni ricevute, impone di non abbassare la guardia”. Così il sindaco Catania, che ha aperto la conferenza stampa, passando subito dopo a ricordare che l’evento coinvolgerà i più qualificati esperti del settore, da quello specificamente tecnico a quello socio-sanitario e sarà aperto proprio per dare a tutti -soprattutto ai genitori- gli strumenti e i mezzi per intervenire in tempo nel fronteggiare un pericolo che è comunque presente. Nonostante nei piccoli centri -come il nostro- la la protezione sociale sia più alta.

Dal canto suo, l’assessore Frangiamore, subito dopo aver ricordato la compianta “amica e collaboratrice” Gioacchina Mattina, ha posto l’accento sul significato della copertina del vademecum -che peraltro sarà distribuito nei luoghi di frequentazione dei giovani- “una rete di persone a protezione di una fascia d’età a rischio”. Introducendo, subito dopo, il tema vero e proprio degli incontri, da genitore, non solo da responsabile politico. “Un argomento ritenuto talmente importante che abbiamo voluto il meglio delle persone competenti a relazionare e a relazionarsi con la nostra comunità. Professionisti ed operatori del settore che -proprio per l’elevatura degli incarichi ricoperti- non sono avvezzi ad esporsi”. L’evento era già in programma nel mandato elettorale, tuttavia l’aumento dei casi durante il prolungato periodo della pandemia, ha fatto sì che l’attenzione crescesse sull’argomento, perchè per “i nostri giovani vogliamo il meglio”.

A sua volta, la dottoressa Annaloro, responsabile dell’Ufficio, visibilmente commossa per quella che fino a ieri è stata inseparabile “compagna di banco”, ha sottolineato i rischi del “sommerso”, dove purtroppo viaggia tanto a fronte dei pochi -pochissimi- casi certificati. “Una delle più belle, la fascia adolescenziale ma anche una delle più rischiose, in un tempo poi “in cui il suono del citofono è stato prepotentemente sostituito da quello del messaggino di whattsApp con tutte le rinunce di vita sociale che da esso inevitabilmente derivano, come ha ricordato -a margine dell’incontro- la  dottoressa Scichilone.

Nella ricorrenza dell’anniversario di “un dramma per tutta la comunità, senza distinzione di vittime e carnefici, ricordiamo che gli incontri saranno anche l’occasione gradita per la contrastazione della violenza di genere”. Il messaggio del sindaco. Prenderanno parte agli incontri lo staff dei Servizi Sociali del Comune di Mussomeli, la Compagnia dei Carabinieri di Mussomeli, la Tenenza della Guardia di Finanza di Mussomeli, la Polizia Postale e delle Comunicazioni, l’ASP di Caltanissetta.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi