Home Cronaca Non erano suoi cocaina e arsenale, il pm chiede 7 anni ma...

Non erano suoi cocaina e arsenale, il pm chiede 7 anni ma viene assolto

153 views
0
immagine di repertorio

Caltanissetta – È per droga e un piccolo arsenale che è finito sotto processo. Ma se il fratello ne è poi uscito con l’affermazione di responsabilità, lui no.

È totalmente indenne che ne è venuto fuori il cinquantenne di Mazzarino, Luciano Lo Monaco – assistito dall’avvocato Carmelo Terranova – per il quale l’accusa ha chiesto la condanna a sette anni di reclusione, di cui quattro per la droga e tre per le armi.

Ma il tribunale presieduto da Miriam D’Amore – a latere Martina Scuderoni e Francesca Pulvirenti – lo ha assolto con formula piena.

Facendo cadere nel vuoto le contestazioni mosse a suo carico. È passata la tesi difensiva secondo cui sostanza e armi erano appartenenti al fratello già condannato a tre anni e due mesi con il rito abbreviato.

La vicenda è legata a un blitz effettuato un paio di anni fa dai carabinieri in un’abitazione rurale dei due fratelli nelle campagne di Butera.

Lì, in contrada San Giuliano, durante una perquisizione i carabinieri hanno scovato poco più di una decina di grammi di cocaina.  Ma non è tutto.

Già, perché in garage sono state poi ritrovate una carabina ad aria compressa, una “Diana” calibro 4,5 con matricola abrasa e una scacciacani calibro 8 modificata. Mentre nell’ovile è saltato fuori un fucile semiautomatico “Armsel Striker” calibro 12 sistemato dentro un sacco di  juta.

L’altro fratello si è poi assunta la “paternità” sia della droga che dell’arsenale, così da tir via le castagne dal fuoco per il fratello che adesso, pur rischiando una pesantissima condanna, è stato assolto dal Collegio giudicante.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi