Home Archivio «Non la sequestrarono e non abusarono di lei», cadono le accuse a...

«Non la sequestrarono e non abusarono di lei», cadono le accuse a due ragazzini

982 views
0

Caltanissetta – L’avrebbero sequestrata in campagna per poi violentarla. Questa, almeno, è stata la teoria dell’accusa. Ma il verdetto dell’aula ha detto altro: non  hanno abusato della loro amica. Adolescente esattamente come loro.

A queste conclusioni è giunto il tribunale per i minorenni che non ha condiviso il teorema accusatorio a carico di due ragazzi sancataldesi  – difesi dagli avvocati Giuseppe Dacquì e Michele Micalizzi –  a quel tempo sedicenni, accusati di avere abusato di una quindicenne pure lei di San Cataldo.

Il Collegio giudicante, infatti, li ha assolti perché «il fatto non sussiste», a fronte di una richiesta di condanna, avanzata dalla procura, a 8 anni di reclusione.

I presunti fatti che sono stati al centro dell’istruttoria risalirebbero al settembre del 2011. Quando in un paio di circostanze racchiuse nell’arco di pochi giorni, è stata la tesi degli inquirenti,  la ragazza sarebbe stata condotta a forza in campagna – da qui l’ipotesi di sequestro di persona – e poi ne avrebbero abusato.

Indagine tecniche, curate dagli esperti del Ris di Messina, non avrebbero però rilevato tracce di quella violenza. E alla fine, adesso, il tribunale, così come sollecitato dalla difesa, ha assolto i due allora minorenni e oggi alle soglie dei 24 anni.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui