Home Cronaca Pedone morì un anno e mezzo dopo l’investimento, condannato il guidatore

Pedone morì un anno e mezzo dopo l’investimento, condannato il guidatore

560 views
0

Caltanissetta  – Condannato per la morte di un pedone avvenuta un anno e mezzo dopo l’incidente. Ma per il giudice, così come per accusa e parti civili, i due aventi sarebbe intrecciati tra loro.

E, oltre all’affermazione di responsabilità sotto il profilo penale, l’imputato è stato pure condannato a risarcire i familiari della vittima.

Così s’è chiuso il processo a carico del quarantunenne nisseno, Elia Giardina – difeso dall’avvocato Giacomo Vitello – finito accusa per l’ipotesi di omicidio colposo  e adesso condannato a un anno di carcere, mentre l’accusa ha chiesto quattro anni e sei mesi.

Ma v’è dell’altro. Sì, perché è stato inoltre condannato dal giudice Tiziana Mastrojeni – con la compagnia assicurativa Unipolsai citata come responsabile civile – al pagamento di un provvisionale, immediatamente esecutiva, di 800 mila euro, oltre al risarcimento dei danni in favore delle parti civili secondo l’entità che poi stabilirà il giudice in un procedimento a parte.

Richieste in tal senso sono state avanzate dall’accusa e dalle parti civili, ruolo questo rivestito in giudizio dai familiari della vittima assistiti dall’avvocatessa Valeria D’Anca .

La contestazione che ha fatto scattare la condanna dell’imputato è legata alla morte  del cinquantaduenne nisseno Salvatore N. deceduto il 7 agosto del 2016.

L’incidente stradale in cui è rimasto inizialmente gravemente ferito, invece, è avvenuto alla periferia dell’abitato nisseno la sera del 7 febbraio 2015.

È stato allora che l’utilitaria, con alla guida l’imputato, avrebbe investito il cinquantaduenne che, per la gravità delle ferite riportate, è stato poi costretto a rimanere sulla sedia a rotelle.

A investire il malcapitato è stata una Fiat Panda  andata però via dopo l’investimento. Poi attraverso testimonianze  è stata individuata l’auto pirata. Una Fiat “Panda” risultata intestata a una donna, compagna di dell’imputato.

Ma poi lo stesso Giardina si è presentato in questura con al suo fianco il legale raccontando di esser stato lui al volante e non la donna.

Ma asserendo pure che l’uomo – poi costretto sulla sedia a rotelle, prima che diciotto mesi dopo il suo cuore si fermasse per sempre – stava camminando in strada totalmente al buio. Ora è arrivata la condanna.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi