Home Cronaca Povero Ospedale!

Povero Ospedale!

4.945 views
0

Mussomeli – L’ospedale di Mussomeli è morente. Colpito dalla sindrome di Sisifo dove il masso di responsabilità, mancate soluzioni ed errori ruota da una estremità all’altra senza fine. E la seduta consiliare di oggi, in cui  si è più sproloquiato che parlato,  è stata l’apoteosi di perpetuo moto di inconcludenza. Un consesso che avrebbe dovuto accendere i riflettori sul nosocomio manfredonico per trovare soluzioni. Alla fine le domande sono più delle risposte. Una seduta che si è trasformata in comizi elettorali da tutte le parti. Tra regolamenti di conti, meriti rivendicati e colpe rinfacciate, cadute di stile e insabbiamenti,  non si è concluso nulla. Sullo sbarco argentino maggioranza e opposizione si sono affrontati con una foga che sembrava la rievocazione della battaglia di San Carlos. E  mentre tutti spergiuravano, assicurando  di non fare propaganda a spese dell’ospedale, sul nosocomio mussomelese calava il buio di una retorica sterile e parolaia. Ci sono  i bandi ma l'”Immacolata Longo” non è appetibile. “I medici non vogliono venire, è un piccolo ospedale non ci sono prospettive” hanno tuonato burocrati e rappresentanti istituzionali . Peccato però che finora la politica ha sempre avallato il sistema “riparto dei reparti”, eliminare i servizi perché non ci sono i numeri. Anche se così facendo  è stata tolta la soluzione creando il problema, come è ovvio, infatti,  se si  diminuisce qualità e quantità dell’offerta la flessione di pazienti è conseguenza e non causa dei tagli. Non si trovano medici? Probabilmente anche per colpa  dei troppi camici bianchi che trascorrono più tempo nelle segreterie politiche che negli ambulatori.  Non è vero  semmai che l’ospedale di Mussomeli non abbia prospettive. Questo nobile decaduto  ha il destino segnato: purtroppo non il declino, come sostenuto da più parti,  invero quella è una fase passata e più facilmente reversibile. Ci avviamo al  requiem. Putroppo non è uno scenario remoto e improbabile. Una catastrofe  insopportabile, La chiusura significherebbe, infatti,  privare Mussomeli della vita, l’asfissia  dell’esistenze di cittadini e comunità. Chiudere sarebbe una silenziosa eutanasia amministrativa e sanitaria. Siamo alla fase terminale, per cambiare rotta  serve un prodigio. Una scelta d’imperio.  Abbiamo la prova provata, con il punto nascita,  che le scelte di politica sanitaria hanno imposto, contro esigenze e volontà dei cittadini, decisioni  improvvise,  arroganti e prepotenti. Con la stessa tracotanza, audacia e  fretta,  reclutino i medici, anche a  comando!

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 4 / 5. Vote count: 16

Vota per primo questo articolo

Condividi