Home Cronaca Quelle mail diffamanti contro Montante e gli ex assessori Lo Bello e...

Quelle mail diffamanti contro Montante e gli ex assessori Lo Bello e Vancheri non erano sue, assolto Venturi

188 views
0

Caltanissetta – Quelle e-mail diffamanti non erano sue. Conclusioni che , nel concreto, si sono tramutate in un’assoluzione con formula piena per l’ex assessore regionale alle Attività produttive, Marco Venturi – assistito dall’avvocato Giacomo Butera – finito in giudizio per rispondere di diffamazione , in particolare attraverso internet.

Il giudice di Agrigento, Michele Dubini, al termine dell’istruttoria, lo ha assolto perché il fatto non sussiste.

Secondo  l’originaria tesi accusatoria, Venturi avrebbe inviato e-mail dai contenuti diffamatori , sia sotto il profilo professionale che personale, nei confronti dell’ex leader regionale di Confindustria, Antonello Montante,  degli ex assessori regionali Mariella Lo Bello e Linda Vancheri e dell’ex sindaco di Naro e poi collaboratrice della Lo Bello, Maria Grazia Brandara.

Quelle e-mail poi finite su un giornale online e tra le pagine di alcuni blog, diffondendosi su internet, sarebbero state racchiuse nell’arco di un mese. In particolare nel periodo che va da giugno a luglio di otto anni addietro, quando Venturi non era più assessore regionale da sei anni e mezzo.

Quei messaggi di posta elettronica contenevano espressioni che ponevano in cattiva luce la gestione politica, le strategie assessoriali e altre attività istituzionali collegate a quello che è stato ribattezzato «sistema Montante».

In quel periodo – tra giugno e luglio 20216 – Mariella Lo Bello era assessore regionale, affiancata da Maria Grazia Brandara, Linda Vancheri , già assessore alle attività produttive, ricopriva un ruolo apicale in Confindustria e di stretta collaborazione con Antonello Montante

Tutti quei messaggi sarebbero stati ricondotti, allora, a Venturi. Da qui il suo rinvio a giudizio perché ritenuto l’autore. E nel procedimento che ne è derivato si sono costituiti parti civili Brandara, Lo Bello, Vancheri e Montante.

Ma dopo due anni di dibattimento e passando per consulenze tecnico informatiche, la difesa è riuscita a dimostrare che in realtà sarebbero state manomesse per ricondurle a Ventuti. Da qui il verdetto pienamente assolutorio.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi