Home Cronaca Rapina a un bar, scarcerato quindicenne: sarebbe un errore di persona

Rapina a un bar, scarcerato quindicenne: sarebbe un errore di persona

444 views
0
immagine repertorio

Caltanissetta – Torna libero uno dei due minorenni arrestati per una rocambolesca rapina in un bar di Caltanissetta. Azione con tanto di zuffa e vetrina sfondata con l’auto.

Accolta la tesi degli avvocati Giuseppe Dacquì e Giacinto Paci secondo i quali si sarebbe trattato di un errore di persone. È’ stato il tribunale del riesame, adesso, a condividere le argomentazioni della difesa.

Uno dei due quindicenni canicattinesi arrestati per questa azione, infatti, al momento della rapina si sarebbe trovato in casa di amici. I suoi legali lo avrebbero dimostrato con più mezzi, compreso una sorta di perizia che dimostrerebbe che il ragazzino non possiede nessuno degli abiti indossati dai rapinatori e immortalati dalle telecamere di sorveglianza.

Si sarebbe trattato, in sostanza, di un errore di persona che, però, per una dozzina di giorni avrebbe inchiodato il ragazzino all’istituto penale minorile.

Lui, in sostanza, non avrebbe fatto parte di quel terzetto che all’alba del 25 ottobre scorso ha fatto irruzione nel bar Opera di via Filippo Paladini, a Caltanissetta, intimando al titolare di vuotare il registratore di cassa.

E visto che uno dei ragazzino era stato bloccato dal proprietario e da un cliente, il quarantatreenne che avrebbe fatto parte della banda con l’auto ha sfondato l’ingresso del locale per consentire all’altro quindicenne di fuggire.

Poi le indagini della polizia si sono catalizzate sul maggiore e due quindicenni – una donna sarebbe stata loro complice all’esterno – pe sono stati arrestati per rapina, tentata rapina in concorso e lesioni.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi