Home Cronaca Resta un boss pericoloso», confermato il carcere duro

Resta un boss pericoloso», confermato il carcere duro

1.007 views
0

Caltanissetta – Carcere duro era e carcere duro rimane. Anche da Roma nulla è mutato lasciando così la situazione totalmente cristallizzata.

Niente è cambiato per il sessantunenne Salvatore Rinzivillo che resterà sottoposto a regime carcerario speciale. Regime in cui si trova già da diversi anni.

La Cassazione, nel rigettare il ricorso, ha confermato la misura adottata dal tribunale di sorveglianza nei confronti di colui che è ritenuto ai vertici dell’omonimo gruppo che fa capo a Cosa nostra.

Lui che secondo i magistrati avrebbe raccolto lo scettro del comando dai suoi fratelli già condannati all’ergastolo e che lo avrebbero investito del potere.

Questo, sostanzialmente, lo scenario tracciato dal pronunciamento della Suprema Corte che, in sintesi, ha ritenuto che Salvatore Rinzivillo sia ancora a capo della cosca.

E non solo sarebbe stato ritenuto ancora più che vivo nello scacchiere mafioso isolano, ma in passato – sempre per i magistrati –  avrebbe anche tenuto contatti   con altre organizzazioni criminali.

Da qui, adesso, la decisione della Cassazione che ha chiuso le porte in faccia al capomafia costringendolo ancora a rimanere sottoposto a regime carcerario speciale.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.7 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Condividi