Home In Primo Piano Salvatore Pio Scannella, il campione dall’animo gentile. “La vittoria la dedico agli...

Salvatore Pio Scannella, il campione dall’animo gentile. “La vittoria la dedico agli amici che mi hanno sostenuto”. Video

1.769 views
0

Mussomeli – Il mussomelese Scannella sbaraglia la concorrenza romana nell’assoluta under 25 della finale nazionale Coppa Italia Rally ACISPORT di Cassino-Pico ed entra nel club dei numeri uno. La rimonta capitolina quando nell’altra capitale -quella del vallone- tutto pareva perduto è il segnale della stoffa dei grandi.

Gli occhi increduli ancora protetti dal casco, sbarrati sulla folla di amici che dal profondo Sud si sono mobilitati a Cassino per lui. La promessa emergente del rally mussomelese che ormai è chiaro si apre a nuovi, sconfinati orizzonti. Accanto il suo fidato compagno di viaggio, Francesco Galipò. Il primo con cui senza parole condivide la gioia del traguardo. Primi assoluti in una gara dove nulla poteva darsi per scontato. E ci sta la commozione del pilota e della squadra tutta quando si entra nella storia, dritto verso la leggenda. La lunga e sperimentata tradizione del rally a Mussomeli adesso ha un nuovo asso vincente su cui puntare. “Ci tenevo a vincere soprattutto per gli amici che, con tanto entusiasmo, hanno tifato per me. Ma allo stesso tempo mi sentivo una forte responsabilità e una certa ansia da prestazione per via del livello di preparazione degli avversari e per le condizioni sfavorevoli del fondo, a causa della pioggia. Quasi un peso. Poi lo stop dell’ultima prova annullata a causa di un incidente”. E’ prorpio in quel momento che il premiato equipaggio Scannella- Gallipò comincia a pregustare il sapore della vittoria. E vittoria è stata. Premiata con l’abbraccio dei fans, quando l’affetto e la sportività prevalgono su ambizione e personalismi. Ed è già festa. Per tutti braccia alzate e lacrime di gioia. Ancora un bell’esempio di quel meraviglioso sud esportato per l’occasione e sfoggiato fra i blasoni del nord. Poichè per noi siciliani -diciamocelo pure- Roma è già nord.

ADDIO SFIGA

Così si racconta e ci racconta Salvatore, dell’imminente avventura che ha indubbiamente segnato un cambio di passo nella carriera del giovanissimo pilota. Formatosi dentro quell’officina domestica dove da sempre ha respirato l’aria delle quattro ruote da competizione. Chi poteva mai dirlo che sarebbe stato l’autore di se stesso! E ci parla così Salvatore con l’aria sorniona di chi -ancorchè incredulo- rimane sempre coi piedi per terra. Ancorati come le ruote della sua mitica 208, il bolide che lo ha portato al top. Smembrando ogni dubbio dentro e fuori dai bo

x e la “trascinata” sull’asfalto di quel rally di casa -davvero poco fortunato- perdipiù propedeutico proprio alla gara in questione. Acqua passata mentre il sorriso accenna a quel che sarà. Intanto che sporge la testa fuori dal cofano, mentre ha la meglio sull’altra battaglia appena ingaggiata con l’ingranaggio dell’auto di un cliente. E lì dove ha fatto la gavetta, Salvatore quotidianamente esercita la sua passione, divenuta professione. Figlio d’arte e di bottega.

SALTO DI QUALITA’

Ha vinto per determinazione agonistica e intelligenza tattica. La caratura del leader ha fruttato all’equipaggio un premio di 20.000 euro spendibile sempre all’interno del campionato italiano junior. Più i due trofei Pirelli e Peugeot. Difficile da pensare quando all’inizio dell’ultima prova erano “solo dodici” i secondi di vantaggio sul secondo di categoria. Ma poi l’inaspettato finale. Serve solo tempo adesso perchè il personaggio possa entrare anche nel cuore delle famiglie ma i presupposti ci sono tutti. Salvatore ha il volto buono. Incarna il mito di chi -nonostante tutto- non si monta la testa. Ha l’aria genuina che poco si confà ad un mondo in cui vige una certa aura di sfrenata mondanità. E ancora a riprova della sua professione di umiltà Salvatore ringrazia la Scuderia CST di Luciano Costantino di Gioiosa Marea che lo ha assistito.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3 / 5. Vote count: 4

Vota per primo questo articolo

Condividi