Home Cronaca Terzo settore, linee guida dal workshop a cura del Consorzio universitario di...

Terzo settore, linee guida dal workshop a cura del Consorzio universitario di Caltanissetta

487 views
0

 

Riflettori puntati sui i benefici legati all’iscrizione al registro unico nazionale del terzo settore e gli elementi gestionali e fiscali imposti dal sistema. Temi sui quali si sono concentrati gli esperti intervenuti al workshop organizzato dal consorzio universitario di Caltanissetta e l’associazione MeNO. Sono intervenuti  Mario Albergoni avvocato e presidente del network TraMe, l’esperta in progettazione culturale e vicepresidente MeNO, Margherita Orlando, Alessandra Di Forti di banca Intesa Sanpaolo, il dirigente della regione Siciliana, Maurizio Pirillo, il sociologo e docente dell’università Magna Grecia di Catanzaro, Massimo Fotino, Maria Grillo ingegnere gestionale e network TraMe, la dirigente Enea Marina Sorrentino e Ileana Chifari  commercialista componente del network TraMe. «L’evento, organizzato per imprese del terzo settore, associazioni e pubbliche amministrazioni, ruotava attorno agli adempimenti fiscali al quale è soggetto questo circuito», è stato spiegato. Attenzione puntata, durante i lavori, sulla «societarizzazione degli enti del terzo settore e i modelli di attuazione del principio di amministrazione condivisa, i profili di responsabilità della pubblica amministrazione, la coerenza al principio di efficacia dei sistemi informativi della pubblica amministrazione, il valore della partecipazione nei processi di cittadinanza attiva, l’esperienza di partenariato pubblico-privato nei processi di rigenerazione urbana basati sulla valorizzazione culturale, il nuovo piano di azione sull’economia sociale dell’Unione europea, il principio di non arrecare danno significativo all’ambiente, gli elementi gestionali e fiscali imposti dal registro unico nazionale del terzo settore». Normative, quelle legate al terzo settore, che «se correttamente perseguite, possono agevolare le attività professionali e consentire all’impresa interessata di crescere in qualità e in dimensioni aziendali», è stato rimarcato al termine dei lavori.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi