Home Cronaca Truffe all’Inps, nel Nisseno gestione dei terreni sotto l’ala della Stidda

Truffe all’Inps, nel Nisseno gestione dei terreni sotto l’ala della Stidda

803 views
0

Caltanissetta – Da un lato le truffe all’Inps con falsi braccianti, dall’altro il controllo delle attività agricole sotto l’ala della mafia.

È lo spaccato tracciato dai carabinieri in una fotografia che sintetizza la situazione in tutta l’isola sotto questo specifico profilo.

Partendo da un dato globale: nell’ultimo anno in 880 sono state segnalati alle procura di tutta la Sicilia e  52 sono stati arrestati. Dati più che eloquenti.

Nel Nisseno la situazione è stata caratterizzata da una variante rispetto al resto del territorio, ossia il controllo della mafia.

In questo caso specifico della Stidda e nell’area di Mazzarino. Uno scenario venuto a galla nello scorse settimane attraverso la maxi operazione dei carabinieri ribattezzata «Chimera».

Indagine che ha dato scacco alle “schegge impazzite” mazzarinesi, lambendo anche professionisti con misure interdittive, qualcuna delle quali poi annullata.

In questo caso – secondo il quadro ricostruito dai carabinieri – la Stidda avrebbe imposto, intanto, le colture da impiantare.

E avrebbero pure costretto i proprietari a mettere a disposizione i loro terreni per il pascolo abusivo di animali appartenenti a presunti affiliati all’organizzazione.

Secondo gli stessi carabinieri, alcuni esponenti dei clan mafiosi avrebbero indebitamente percepito contributi dall’Europa destinate ad attività agricole. Qualcuno sarebbe stato costretto anche a cedere parte del terreno preso in locazione a esponenti mafiosi che avrebbero poi intascato i contributi

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi