Home Cronaca Un ingegnere siciliano conquista la vetta dell’Himalaya

Un ingegnere siciliano conquista la vetta dell’Himalaya

459 views
0

Palermo – Dopo il Kilimangiaro, l’Himalaya: un’altra sensazionale scalata per l’ingegnere siracusano Guglielmo Venticinque, 43 anni, che giovedì scorso è riuscito a piantare la bandiera italiana (e idealmente anche quella siciliana) sull’Imja Tse, vetta a quota 6.189 metri, conosciuta anche come Island Peak, che si trova sul versante nepalese della catena montuosa celebre anche per l’Everest, la cima più alta del mondo. Un’impresa quella di “Gulli” – così è soprannominato l’alpinista con chiaro riferimento a Gulliver – significativa perché si riaggancia a una delle emergenze attuali più stringenti, ovvero il graduale aumento delle temperature che affligge il pianeta. Il cambiamento climatico, infatti, ha colpito anche l’area dell’Island Peak, modificando la morfologia dei ghiacciai e trasformando quello che fino a poco tempo fa era un percorso non particolarmente impegnativo in un’ascesa impervia. Dopo mesi di dura preparazione fisica, “Gulli” a fine marzo è arrivato a Kathmandu, capitale del Nepal, dove ad attenderlo c’era la Elite Exped, società specializzata in questo tipo di spedizioni, fondata da Nims Purja, star mondiale dell’alpinismo, diventato celebre per aver messo piede su tutte le quattordici vette del mondo che superano gli 8.000 metri nel giro di 6 mesi fra aprile e ottobre 2019, fatiche raccontate in un documentario di Netflix.  Nella sua impresa Venticinque è stato accompagnato da una guida locale, Mingma Yangzi, scalatrice professionista di 28 anni, una delle poche donne sherpa autorizzate in Nepal. Prima 8 giorni lungo il Khumbu Trek, celebre percorso di trekking che porta al campo base Everest.Poi l’infinita attesa al campo base, prima dell’ultima partenza, quella verso la cima obiettivo della spedizione, avvenuta all’1.30 (ora locale) del 7 aprile scorso. “L’Imja Tse – dice Venticinque – è stata l’impresa delle imprese, che non dimenticherò mai. Mi ha portato vicino ai miei limiti fisici e tecnici, mi ha posto davanti a rischi che non so se vorrò più prendere in futuro. Per me l’alpinismo è un hobby e non voglio mettere a repentaglio la vita”.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.7 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Condividi