Home Cronaca Uno studio sulle malattie dell’olivo portato avanti dall’agronomo ricercatore mussomelese Antonio Giovino

Uno studio sulle malattie dell’olivo portato avanti dall’agronomo ricercatore mussomelese Antonio Giovino

1.002 views
0

Mussomeli – Una iniziativa scientifica portata avanti da un ricercatore di Mussomeli.  Porta la firma di Antonio Giovino, infatti, il progetto di trasferimento tecnologico in materia di sostenibilità ambientale ed economica in olivicoltura finanziato dal PSR Sicilia 2014-2020. Più precisamente ‘Applicazione di tecnologie “Smart” per il monitoraggio, prevenzione e diagnosi precoce delle malattie di interesse economico dell’olivo’. Tra gli obiettivi principali quelli di contenere la diffusione delle principali malattie delle piante , in vivaio e in campo, attraverso la diffusione di sistemi diagnostici rapidi, user friendly, ed economici; ridurre la perdita di prodotto indotta dallo sviluppo della malattia; diagnosticare velocemente in campo la presenza del terribile batterio Xylella fastidiosa che vive e si riproduce all’interno dei vasi xilematici delle piante fino a determinarne la morte; In particolare saranno valutate la suscettività/resistenza alle principali malattie dell’olivo delle 28 cultivar autoctone previste nel disciplinare “Olio extra vergine di oliva IGP Sicilia” presenti in un unico campo ”ex situ” presso l’azienda, partner del progetto della Ditta Raffaele Messina.  Laureato in Scienze e Tecnologie Agrarie presso l’Università degli Studi di Palermo nel 2003 con 110 e lode, abilitato alla professione di Agronomo, il dottor Antonio Giovino è mussomelese DOc e ha  43 anni. Sposato nel 2010, vive a Monreale ed è padre di due gemelli di 6 anni Manfredi e Ginevra Giovino. E ’ricercatore presso il Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, Centro di Ricerca Difesa e Certificazione (CREA-DC, sede di Bagheria – PA). Responsabile di un gruppo di ricerca del laboratorio di biotecnologie dove svolge attività di caratterizzazione molecolare di specie vegetali autoctone, al fine dell’identificazione genetica. Si occupa inoltre della valorizzazione di essenze mediterranee, ha attualmente prodotto 70 pubblicazioni scientifiche internazionali e nazionali. Coordinatore e responsabile scientifico di diversi progetti di ricerca, collabora attivamente con diversi istituti di ricerca, università nazionali e internazionali. Capofila del progetto curato dal dottore Antonio Giovino è l’Oleificio San Calogero Di Santangelo Giuseppe & C Sdf, sito in Sciacca (Ag) che convoglia la produzione di oltre 500 produttori olivicoli della Sicilia Sud-occidentale e dispone di Know-how sia per le metodologie applicative al controllo dei cicli di produzione di campo sia di trasformazione e di confezionamento. Fanno parte del partenariato 5 aziende agricole specializzate nella coltivazione dell’olivo, 3 delle quali in regime di agricoltura biologica, e una azienda vivaistica che produce piante di olivo del germoplasma autoctono siciliano (azienda agricola Tramontana Rosario di Campobello di Mazzara). Per l’attuazione scientifica delle azioni in progetto, il CRA DC si avvarrà della collaborazione di ricercatori del Dipartimento Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali dell’Università degli Studi di Palermo (SAAF).

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.6 / 5. Vote count: 11

Vota per primo questo articolo

Condividi