Home Cronaca Viola divieto di avvicinamento, dopo l’arresto per maltrattamenti torna in cella   

Viola divieto di avvicinamento, dopo l’arresto per maltrattamenti torna in cella   

479 views
0

Caltanissetta – Nuovo arresto per il presunto “marito molesto” nisseno che era stato già arrestato poco più dio una settimana fa. Quando si sarebbe presentato a San Leone e, per l’accusa, avere perseguita la sua compagna.

Ma per questi fatti era già comparso dinanzi il gip di Agrigento che aveva disposto per lui il divieto di avvicinamento alla sua compagna.

Ora il trentenne A.B. – assistito dall’avvocato Davide Schillaci – è stato arrestato su ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip David Salvucci perché gli atti, per competenza, sono passati alla procura nissena.

E il pm di Caltanissetta  piuttosto che richiedere la stessa misura che già era stata applicata al ragazzo dal tribunale di Agrigento, ha proposto la misura cautelare in carcere e alla fine è stata applicata.

Il giovane, secondo la tesi accusatoria, avrebbe violato il divieto di avvicinamento che gli era stato imposto. Si sarebbe avvicinato alla casa di lei. Da qui il provvedimento restrittivo.

Era stato già arrestato nei giorni scorsi a San Leone quando si sarebbe presentato lì per vedere la figlia, nata dalla relazione con la compagna.

La stessa che avrebbe maltrattato, come risulterebbe da una prima denuncia presentata da lei. Anche se in prima battuta, al momento del primo arresto, al trentenne era stata contestata anche l’ipotesi di atti persecutori. Ipotesi che è subito caduta.

Ora è stato nuovamente arrestato perché avrebbe violato il divieto di avvicinamento a lei o ai luoghi in cui la sua ex campagna vive.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Condividi