Home Cronaca Accoltellò il rivale, scatta l’arresto

Accoltellò il rivale, scatta l’arresto

2.131 views
0

Caltanissetta – Colpevole di un accoltellamento. Così è stato riconosciuto in via definitiva. E adesso è stato chiamato a saldare il suo sospeso con la giustizia.

È il ventiseienne Damiano Cosimo Lombardo, condannato in via definitiva per tentato omicidio e adesso arrestato per scontare la sua condanna.

In  carcere dovrà restare due anni e dieci giorni. Questo è il residuo della pena che gli è rimasto da scontare e che ha fatto scattare l’ordine di carcerazione.

La condanna  è legata a una violenta rissa tra giovani, con accoltellamento, che è scoppiata la notte del 10 dicembre di cinque anni fa nel piazzale di una stazione di servizi di viale della Regione, zona frequentatissima e, peraltro, a poche centinaia di metri dal palazzo di giustizia di Caltanissetta.

Quella notte, a più riprese, due fazioni contrapposte sarebbero venute alle meni. L’ultimo atto s’è poi consumato in quello spiazzo.

E nella bagarre, secondo la tesi accusatoria che ha retto in tutti i gradi del giudizio, Damiano Cosimo Lombardo – assistito dall’avvocato Antonio Impellizzeri – avrebbe tirato fuori in coltello.

Da lì a poco avrebbe sferrato un fendente che avrebbe raggiunto al fianco  un trentunenne – nella duplice veste di parte civile e imputato –  che a sua volta è stato processato per rissa, ma è stato poi assolto. Sì perché alla fine in cinque,  sono finiti sotto processo – in procedimenti separati – sull’onda di quella furibonda lite, con solo due cugini chiamati a rispondere di tentato omicidio, gli altri solo di rissa.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi