Home Cronaca Beni in odor di mafia, sequestrato tesoro da un milione e mezzo

Beni in odor di mafia, sequestrato tesoro da un milione e mezzo

879 views
0

Gela – Sequestrati beni ritenuti in odor di mafia. Il provvedimento, emesso dalla sezione misure di  tribunale ed eseguito dalla direzione investigativa antimafia,, avrebbe colpito in qualche modo il clan Rinzivillo.

Perché la misura patrimoniale ha riguardato la quarantacinquenne gelese Monica Rinzivillo, cugina di secondo grado dei boss Rinzivillo e il marito, il quarantasettenne Valerio Longo .

La misura  segue quella del giugno di due anni fa , su proposta del direttore della Dia, e ha interessato 7 attività commerciali attive nel settore della costruzione, assemblaggio, montaggio e manutenzione d’impianti industriali e chimici  di Gela e, ancora, 5 immobili, diversi rapporti bancari e assicurativi e due auto di lusso, due Maserati, per un valore complessivo di un milione e mezzo di euro.

Marito e moglie, nel dicembre di tredici anni fa, sono rimasti coinvolti, con altri novantuno indagati, nell’inchiesta «Tagli pregiati».

E per questa operazione sono stati poi condannati per associazione mafiosa perché ritenuti imprenditori vicini e al servizio della famiglia Rinzivillo.

Sei anni dopo, nel 2011,  Longo è rimasto coinvolto nel blitz «Tetragona» che lo avrebbe inserito in Cosa nostra.

Ora, al fianco della misura patrimoniale, ha imposto la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per 2 anni a Longo e un anno a Monica Rinzivillo.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi