Home Dall'Italia e dal Mondo Canada, due milionari si fingono poveri per avere vaccino gratis

Canada, due milionari si fingono poveri per avere vaccino gratis

904 views
0

Due miliardari si fingono poveri per ottenere il vaccino contro il Covid. E ora, rischiano il carcere. L’episodio è avvenuto in Canada e sta creando scalpore, vista anche la notorietà della coppia. Si tratta di Rodney e Ekaterina Baker: lui magnate nel settore dei un casinò ed ex presidente della Great Canadian Gaming Corporation, lei attrice.

I due, che secondo le stime della “Globe and Mail” avrebbero incassato 45,9 milioni di dollari negli ultimi 13 mesi sulle stock options,  hanno noleggiato un aereo privato, fingendosi dipendenti di un motel pur di ricevere una dose a testa dei vaccini “Moderna” destinati alla “White River First Nation”, una remota comunità indigena di Beaver Creek, nello Yukon, composta da 100 persone e considerata dalle autorità sanitarie come prioritaria per via della scarsità di strutture mediche della zona.

La coppia si è finta dipendente del motel ricevendo la dose di vaccino, ma una volta raggiunto l’obiettivo, nel viaggio di ritorno hanno commesso l’errore di non rispettare le più banali norme anti-contagio. Un atteggiamento che ha insospettito la polizia, che dopo averli fermati è riuscita a ricostruire l’accaduto. Rodney ed Ekaterina Baker se la sono cavata con una multa pari a 2.300 dollari canadesi, più o meno 1.600 euro, che per loro è una bazzecola. Ma la vicenda ha alzato le proteste di chi chiede una pena ben più severa per i due: fra le prime conseguenze, le dimissioni di Rodney dalla sua società, la “Great Canadian Gaming Corporation”.

Il problema, per i coniugi Baker, resta la seconda dose del vaccino: vista la facilità con cui erano riusciti a farsi beffa di tutti, pensavano di ripetere semplicemente il blitz, ma così non sarà: il ministero della saluta canadese ha precisato che i due riceveranno la seconda dose quando sarà il turno delle loro rispettive fasce di età.

Durissime le parole del portavoce del ministero: “Nel nostro piano di immunizzazione non c’è spazio per chi mette deliberatamente a rischio le popolazioni vulnerabili per ricevere il vaccino prima del previsto”. E ancora più pesanti le parole di Kluane Adamek, capo regionale dell’AFN dello Yukon: “Un atto di vigliaccheria che non dovrebbe rimanere impunito: è necessario che le autorità mandino un messaggio chiaro e forte verso chi pensa di contare più degli altri”.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.7 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Condividi