Home Le Nostre Rubriche Che differenza c’è tra un gaming pc e altri computer?

Che differenza c’è tra un gaming pc e altri computer?

547 views
0

Da qualche decennio a questa parte i videogame sono diventati molto più versatili e sono atterrati su molteplici sistemi, compresi i comuni pc. Già negli anni ’90 era possibile divertirsi con alcuni titoli inserendo un apposito supporto ottico nel lettore cd del computer di casa. Oggi i pc sono molto più evoluti e presentano caratteristiche di gran lunga superiori a quelle delle console specifiche uscite non troppo tempo fa. Insomma, i videogiochi sono divenuti molto più accessibili e godono ormai di un ruolo centrale nell’intera industria dell’intrattenimento. Se si pensa anche i giochi della stessa piattaforma di slot machine online sono disponibili per più dispostivi, diventa quasi un cruccio capire quale sia il macchinario più adatto per usufruire al meglio di un dato videogame o di una qualsivoglia attrazione virtuale. Giochi da tavolo, platform, Esports, giochi di carte e chi più ne ha più ne metta: la scelta del pc più idoneo è ormai fondamentale per far funzionare correttamente quanti più giochi possibili.

Sia i computer sia i telefonini devono avere in dote chip e memoria in grado di elaborare e contenere tutti i processi richiesti da un gioco, affinché questo si avvii correttamente e non subisca rallentamenti nell’esecuzione. Persino per i cellulari esiste una configurazione consigliata per giocare, che tiene conto dei pollici dello schermo come della frequenza di aggiornamento delle immagini, senza tralasciare la batteria. Problemi che non si dovrebbero porre invece da computer, anche perché si suppone che chi vuole utilizzare un pc per il gaming adoperi l’alimentazione elettrica e non si affidi all’autonomia variabile di una carica interna.

La RAM e il numero dei core sono le componenti principali di un pc predisposto per il gaming. I processi informatici da gestire richiedono una scheda grafica che deve possedere una memoria grafica personale di più GB. Va da sé che i mezzi tecnici utili per giocare sono molto più dispendiosi di quelli sufficienti per scrivere un documento di lavoro o riprodurre un video su Internet. Se le specifiche di base di un pc non sono comunque abbastanza, è prevista la via dell’overlock per potenziare la prestazione della macchina, andando letteralmente al di là degli sforzi che dovrebbe comunemente compiere per l’utilizzo per il quale è stata pensata.

Abusare dell’overlock, però, comporta chiaramente un’usura anticipata del computer, il cui ciclo vitale terminerebbe quindi prima del tempo. Anche aggiornare i driver grafici è importante. Se si usa un pc per attività di routine è possibile operare tranquillamente anche con configurazioni datate, ma se si vuole giocare ai titoli più recenti è bene non lasciare nulla al caso. Discorso analogo si può estendere alle unità SSD, nettamente più indicati per il gaming rispetto ai più classici hard disk. Oggi esistono persino monitor studiati appositamente per il gaming. Di conseguenza, ogni computer può risultare diverso dall’altro.

Le tecnologie e persino le connessioni si evolvono di continuo e pertanto anche una configurazione a prima vista ideale può rivelarsi obsoleta dopo un lustro o comunque un decennio. Per far sì che il proprio pc sia sempre adeguato al gaming, i giocatori più assidui preferiscono computer fissi che possono essere assemblati piuttosto che i più comodi portatili, sebbene esistano notebook estremamente potenti, ma anche molto costosi. A prescindere, giocare da pc concede un vantaggio rispetto all’utilizzo di una console: non ci sono troppe restrizioni sulle periferiche da poter impiegare, ad esempio. Se un utente gradisce un certo modello di gamepad USB rispetto ad un altro, è libero di adottare le soluzioni che più gli aggradano.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi