Home Cronaca Croce rossa iniziativa di solidarietà, preparati 400 pasti per le feste di...

Croce rossa iniziativa di solidarietà, preparati 400 pasti per le feste di Natale per i meno i fortunati

195 views
0

Sono stati oltre 400 i pasti distribuiti dalla Croce rossa italiana di Caltanissetta per le festività natalizie. In particolare tra Natale e Santo Stefano. Iniziativa grazie alla collaborazione dell’Istituto Testasecca e della cooperativa sociale Etnos che ha messo a disposizione la cucina dell’istituto, dello chef  Giancarlo Colasberna, dei detenuti della casa circondariale Malaspina e di ventinove volontari Cri si è reso possibile l’ennesimo prodigio dalla solidarietà.I  volontari della Croce rossa hanno preparato qualcosa come centocinquanta pasti, a cui sono andati ad aggiungersi quelli dei detenuti del carcere che non hanno consumato per essere donati alle famiglie bisognose.«Oltre alla cena della vigilia di Natale –  ha spiegato presidente della Croce Rossa di Caltanissetta Nicolò Piave – nella nostra struttura di Croce Rossa, abbiamo pensato anche alle tante famiglie in gravissime difficoltà economiche , molti genitori hanno perso il lavoro. Nella settimana precedente abbiamo distribuito generi di prima necessità provenienti da raccolte viveri nei supermercati, dando quindi anche qualche prodotto in più, e magari di marca. Con la collaborazione economica del comune di Caltanissetta sono stati distribuiti buoni alimentari a famiglie in gravi situazione economiche. Sono situazioni difficili – è andato avanti – perché un conto è aiutare una persona, un conto un intero nucleo familiare, la cui dignità deve essere preservata. Pensiamo ai tanti bambini o ragazzi che vanno a scuola e devono mascherare il fatto che fanno fatica a mangiare a casa o ad avere vestiti che non li mettano a disagio nei confronti dei compagni. Molte famiglie sono cadute in povertà, hanno difficoltà ad accendere il gas per i consumi. con il pronto intervento sociale abbiamo effettuati censimenti sociali ove è stato riscontrato il grave stato di disagio di molte famiglie, spesso monofamiliari, persone sole che, spesso con problemi psichiatrici, hanno difficoltà ad inserirsi nel tessuto sociale e lavorativo, restando emarginati». Da qui la decisione «di potenziare il servizio di unità di strada in unità mobile di assistenza ai fragili, al fine di incrementare le competenze, riuscendo a stringere anche accordi commerciali con enti ed associazioni che non forniscano solo l’invenduto del giorno, ma effettuino proprio donazioni di beni da destinare ai bisognosi. Inoltre questa pratica – ha aggiunto il presidente Piave – è applicabile anche a vestiario, giocattoli ed altri beni che le ditte possono donare, ricevendo sgravi fiscali, alla Croce rossa italiana.  Alle famiglie, ed ad alcune comunità di accoglienza, abbiamo consegnato o portato direttamente con i nostri mezzi a secondo delle problematiche, con assoluto riserbo, i pasti completi, cucinati dai volontari della croce rossa italiana o donati».

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi