Home Cronaca Cyberbullismo, i suggerimenti ai giovani della polizia per il «Safer Internet Day...

Cyberbullismo, i suggerimenti ai giovani della polizia per il «Safer Internet Day 2020»

395 views
0

Caltanissetta – Il delicatissimo e attualissimo tema del cyberbullismo ancora una volta all’attenzione delle forze dell’ordine. In questo caso, in particolare, della polizia.

E, non a caso, in occasione del «Safer Internet Day 2020» incontrerà gli studenti. In questa prima tappa di un istituto niscemese.

Iniziativa in collaborazione con il ministero dell’Istruzione che tocca tutto il territorio nazionale. In questo caso, in particolare, si tratterà di una edizione speciale del progetto «Una vita da social»» con lo svolgimento in contemporanea di incontri presso le scuole di cento comuni italiani.

La polizia postale e delle comunicazioni, in occasione della celebrazione della giornata mondiale della sicurezza informatica, incontrerà oltre 60 mila ragazzi sotto lo slogan della campagna «insieme per un’internet migliore».

Obiettivo di queste attività che guardano sia alla prevenzione che all’informazione è coinvolgere, educare e formare i giovani perché sfruttino le potenzialità comunicative del web e delle community online senza correre i rischi connessi al cyberbullismo, alla violazione della privacy altrui e propria, al caricamento di contenuti inappropriati, alla violazione del copyright e all’adozione di comportamenti scorretti o pericolosi per sé o per gli altri, stimolando i giovani a costruire relazioni positive e significative con i propri coetanei anche nella sfera virtuale.

«La sensibilizzazione sui temi della sicurezza e sull’uso responsabile della rete – ha spiegato Nunzia Ciardi direttore del servizio di polizia postale e delle comunicazioni – è un impegno quotidiano della polizia postale… La collaborazione con il Ministero dell’Istruzione è imprescindibile. Iniziative come quella della giornata mondiale dedicata alla sicurezza in Internet – proseguito Nunzia Ciardi – celebrata ormai in oltre 150 Paesi tra cui l’Italia, sono di grande importanza perché aiutano a portare la sicurezza della rete all’attenzione di un gran numero di persone, giovani e adulti, che a loro volta sono ineliminabili figure di riferimento per orientare i più piccoli a un uso sicure e responsabile della rete».

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi