Home Cronaca Da Sutera a Polizzello bruciano i nostri siti culturali

Da Sutera a Polizzello bruciano i nostri siti culturali

2.017 views
0

Mussomeli – «Là dove si bruciano i libri si finisce per bruciare anche gli uomini».  Osservava con acume il poeta  Heine. Nel Vallone, sembrerebbe che qualche scellerato  stia appiccando, con ogni probailità deliberatamente,  incendi in luoghi dove è scritta la storia plurisecolare e plurimillenaria delle nostre zone. A Sutera per esempio, il cui territorio  da diversi giorni è in preda al fuoco, fiamme di stupidità  insopportabili per il professore Nino Pardi che, facendosi portavoce dello sdegno di tanti,  ha scritto: “Vi siete presi un lato di Rocca Spaccata e Donna Spusa, oggi vi siete presi l’altro lato della Rocca Spaccata e Santa Croce. Cosa vi manca? Il Pizzo San Marco e il monte San Paolino, anche perchè Donnibbesi l’avete rasa al suolo due anni fa. Li chiamano piromani oppure cretini, ma bisogna chiamarli con il loro vero nome: criminali! Mi viene da piangere per il patrimonio naturale e boschivo volatilizzato in due giorni”. A Mussomeli i roghi hanno interessato il castello e non risparmiano nemmeno la zona in cui insiste uno dei sito archeologici più importanti della Sicilia: Polizzello. Qui in una  giornata ventosa che, come denuncia Pippo Sorce “è quella ideale per “incoraggiare l’azione venale del misero uomo” la ricca flora e fauna è stata carbonizzata. Va detto che le fiamme non stanno risparmiando niente e nessuno, nell’agro di ogni comune del nisseno  sono incessanti le sirene dei mezzi di vigili del fuoco e corpo forestale, mentre volontari e residenti contrastano dove e come possono i fuochi appiccati ovunque da qualcuno che ha bruciato il cervello e, ora, vorrebbe mandare in fumo  storia, natura, luoghi e, forse abitanti, del cuore di Sicilia.

 

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 4.1 / 5. Vote count: 8

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi