Home Cronaca Delitto Naro, chieste tre condanne per rissa e favoreggiamento

Delitto Naro, chieste tre condanne per rissa e favoreggiamento

250 views
0

San Cataldo – Tre condanne per la rissa alla base dell’uccisione del giovane medico di Mussomeli. Le ha chieste la procura di Palermo nei confronti di altrettanti imputati.

Le pene più severe sono state chieste il buttafuori cinquantenne Francesco Troia – difeso dall’avvocatessa Salvina Pantuso – e il cinquantatreenne Massimo Barbaro, proprietario della discoteca «Goa» con la pena a tre anni ciascuno. IL primo è accusato di rissa, l’altro di favoreggiamento.

Chiude con la richiesta a 6 mesi il trentunenne Antonino Basile uno dei clienti presenti quella notte nel locale e chiamato ora a rispondere di favoreggiamento.

Questo il quadro che la procura palermitana, rappresentata dal pm Claudio Camilleri ha girato al giudice Sergio Ziino che li sta processando con rito ordinario.

Altri imputati hanno preferito, in passato, essere giudicati in abbreviato o patteggiando la pena. A cominciare dall’allora buttafuori minorenne che poi è stato condannato a dieci anni di reclusione con il rito abbreviato.

 Anche nei confronti di Barbara, Basile e Troia, i familiari della vittima – assistiti dagli avvocati Antonino e Salvatore Falzone – si sono costituiti parti civili. E alla prossima udienza, fissata tra un paio di settimane, toccherà ai due legali avanzare le proprie richieste al giudice,, prima che siano le difese a replicare.

Peraltro uno dei tre imputati attualmente accusato di rissa è pure sotto processo, sempre per il delitto Naro, in corte d’Assise per rispondere di omicidio volontario.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi