Home Cronaca Giornalista morì dopo intervento chirurgico, indagine chiusa per cinque medici 

Giornalista morì dopo intervento chirurgico, indagine chiusa per cinque medici 

611 views
0

Caltanissetta – Cinque gli indagati per la morte di un giornalista nisseno. Sono tutti medici, quattro dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta e uno di Udine.

Tutti tirati in ballo per il decesso del giornalista settantaquattrenne Lino Lacagnina, deceduto dopo un intervento di chirurgia vascolare.

Indagine chiusa per tre chirurghi vascolari e un radiologo del «Sant’Elia» e, con loro,  un chirurgo vascolare di Udine.

A loro carico il sostituto procuratore Simona Russo ha ipotizzato il reato di omicidio colposo aggravato e per tre di loro, anche il falso in atto pubblici.  Il luttuoso epilogo risale al febbraio dello scorso anno. E l’indagine ha preso le mosse dalla denuncia presentata dai familiari  – assistiti dall’avvocato Aldo Bellomo – in particolare la moglie e la sorella.

Sulla salma è stata pure eseguita l’autopsia e sulla base delle risultanze i nomi dei cinque professionisti   – assistiti dagli avvocati Giacomo Butera, Sergio Iacona, Sara Sammartino e William Giacalone -finiti al centro del dossier si sarebbero appesantite.

L’accusa ha ipotizzato che non siano stati effettuati taluni esami preliminari prima di sottoporre il paziente a intervento chirurgico, in particolare una riparazione endovascolare,  per la cura dell’aneurisma dell’aorta addominale. Omissione che, secondo la tesi della procura , sarebbe risultata poi determinante.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 2.3 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Condividi