Home Dall'Italia e dal Mondo Guardia si annoia e disegna gli occhi alle figure senza volto su...

Guardia si annoia e disegna gli occhi alle figure senza volto su un dipinto da 1 milione di dollari

716 views
0

Mosca – Un ottimo primo giorno di lavoro quello di una guardia giurata che per la noia ha pensato che fosse furbo disegnare gli occhi ai tre personaggi di un’opera d’arte dal valore di un milione di dollari! Il vigilante di 60 anni era al suo primo giorno di lavoro presso il Centro di Eltsin, un complesso museale russo. Trovandosi annoiato a morte di fronte all’opera d’arte moderna “Le tre figure”, realizzato da Anna Leporskaya, ha disegnato ai personaggi senza volto, gli occhi. Scarabocchi tipici di un adolescente, su un’opera da museo assicurata per un valore di 1,2 milioni di euro. Il fatto risale al 7 dicembre, quando due visitatori hanno lanciato l’allarme “vandalo in azione”, l’uomo è quindi stato licenziato ed è probabile che abbia qualche problema di salute mentale. Probabilmente dovrà pagare una multa e verrà condannato ad un anno di lavoro correttivo. Il Museo ha intanto dato notizia dell’accaduto: “Vi informiamo che durante le indagini è stata identificata la persona che ha dipinto gli occhi sulle figure nel dipinto di Anna Leporskaya: si tratta di un dipendente di un’organizzazione di sicurezza privata che svolge attività di sicurezza attività del Centro Eltsin”.
Gli esperti sono al lavoro per valutare i danni ed è probabile che si riesca a sistemare tutto senza troppi segni: “L‘inchiostro è leggermente penetrato nello strato pittorico – ha spiegato un esperto – dal momento che il bianco di titanio utilizzato per dipingere i volti non è ricoperto di vernice d’autore, come spesso accade nella pittura astratta di quel tempo. Fortunatamente il vandalo ha disegnato con una penna senza una forte pressione, e quindi il sollievo dei tratti nel suo insieme non è stato disturbato”.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi