Home Cronaca I neologismi del Libro dell’Anno Treccani 2023: le nuove parole da conoscere

I neologismi del Libro dell’Anno Treccani 2023: le nuove parole da conoscere

120 views
0

Ecco l’elenco dei neologismi che la Treccani ha pubblicato nel libro dell’Anno 2023

anti orso (“Detto di strumenti  e di dispositivi usati per difendersi dall’eventuale aggressione di un orso”)

armocromia (“Nel campo della moda e della consulenza dell’immagine, la teoria e l’analisi che mirano a individuare le tinte dei capi di vestiario e dei cosmetici che si armonizzino con la carnagione della pelle, il colore degli occhi, delle labbra e dei capelli, valorizzando l’aspetto della persona”)

Barbienheimer (“L’evento dell’uscita in contemporanea nelle sale di due film molto attesi, espressa dagli utenti di vari social media tramite un’etichetta che ne comprendia i titoli, Barbie e Oppenheimer”)

booktok (“1.La denominazione di un hashtag diffuso nella piattaforma di relazioni sociali TikTok per aggregare contenuti dedicati ai libri e alla lettura. 2.Per estensione, la comunità virtuale di lettori costituitasi all’interno di TikTok)

Caronte (“Denominazione non ufficiale di un anticiclone di provenienza africana, portatore di elevate temperature nel bacino del Mediterraneo”)

cavaiola  (“In senso figurato, un luogo caratterizzato dalla pesante disorganizzazione e confusione”)

challenge (“La sfida anche pericolosa, posta a sé stessi o lanciata tra gruppi, che viene ripresa e caricata in formato video sui social media, con l’obiettivo di ottenere il gradimento altrui e incassare i profitti di eventuali passaggi pubblicitari”)

codice calore (“Il percorso sanitario assistenziale preferenziale che viene predisposto nei pronto soccorso per chi accusa malori dovute alle temperature elevate”)

controegemonia (“In politica, la lotta contro la presunta egemonia esercitata dalla sinistra”)

dealcolato (“Detto di bevanda privata della componente alcolica tramite estrazione dell’alcol per evaporazione, distillazione o per osmosi”)

decarbonizzarsi (“Rinunciare all’impiego di combustibili fossili”)

deinfluencing (“La tendenza nata nella piattaforma TikTok, e poi estesa al circuito dei social media, che scoraggia dall’acquistare un determinato prodotto a causa della sua scarsa qualità, per motivi etici o economici)

deplastificazione (“La progressiva eliminazione di sostanze e materie plastiche o di prodotti fatti di plastica”)

digiuno intermittente (“Il programma di pianificazione dei pasti caratterizzato da fasi cicliche di digiuno volontario o di riduzione dell’apporto calorico”)

diversity editor (“Nel campo dell’editoria e dell’informazione, chi si occupa di favorire una rappresentazione della diversità equa e inclusiva, anche attraverso l’utilizzo di un linguaggio sensibile e rispettoso delle differenze”)

downburst (“Raffiche di vento che, scendendo dalla parte più alta di un temporale, precipitano come folate fredde verticali contro il suolo”)

ebollizione globale (“Il riscaldamento globale planetario”)

eco-talebano (“L’attivista ecologista che compie azioni dimostrative estreme”)

e-fuel (“Il combustibile sintetico a emissioni zero, liquido o gassoso, che viene generato attraverso processi energivori alimentati con fonti rinnovabili”)

elaborazione del linguaggio naturale (“Il ramo dell’informatica e, in particolare, dell’intelligenza artificiale, che studia come programmare i computer perché analizzino e comprendano i dati del linguaggio naturale e siano in grado di generare e rielaborare efficacemente parole e testi parlati e scritti”)

ergastolo della patente (“Nel linguaggio delle cronache giornalistiche, il ritiro a vita dell’autorizzazione alla guida in conseguenza di infrazioni del Codice della strada di particolare gravità”)

esternalizzazione delle frontiere (“Nelle politiche europee tese a ostacolare l’accesso dei migranti all’interno del territorio degli Stati Membri, lo spostamento dei confini verso zone extraterritoriali”)

european green deal (“Piano dell’Unione Europea per fronteggiare i cambiamenti climatici e raggiungere la neutralità entro il 2050”)

famiglia queer (“La comunità di persone che, indipendentemente dal genere di appartenenza o dall’orientamento sessuale, vivono insieme per scelta e sono legate da affinità elettive”)

granchio blu (“Nome corrente di un crostaceo decapode caratterizzato dalla tipica colorazione azzurrognola, appartenente alla famiglia dei Portunidi, che si è diffuso accidentalmente oltre l’habitat originario”)

gravidanza solidale (“Nell’ambio della Gpa[gestazione per conto d’altri] la gravidanza che viene portata avanti dalla gestante senza alcun compenso da parte dei genitori intenzionali, con l’obiettivo di mettere al centro la tutela dei nati”)

inflazione da avidità (“In senso polemico, l’inflazione sfruttata dalle aziende per aumentare spropositatamente i prezzi, in modo da andare oltre la copertura dell’aumento dei costi e massimizzare i margini di profitto”)

intelligenza artificiale generativa (“Qualsiasi tipo di intelligenza artificiale in grado di creare, in risposta a specifiche richieste, diversi tipi di contenuti come testi, audio, immagini, video”)

iper-estate (“Nella lingua giornalistica, ogni periodo prolungato, durante la stagione estiva, caratterizzato da temperature elevate estreme e anomale”)

iperturismo (“Il sovraffollamento turistico in città e siti famosi, concentrato in alcuni periodi dell’anno” )

isola di calore umano (“In una grande area urbana, la zona che, rispetto a quelle circostanti caratterizzate da un maggiore sviluppo di copertura vegetativa del suolo, presenta una temperatura superficiale più elevata”)

modello linguistico di grandi dimensioni (“L’algoritmo di intelligenza artificiale che, processando massivamente una grande quantità di dati, utilizza tecniche di deep learning in vari ambiti dell’elaborazione del linguaggio naturale come la comprensione, la traduzione, la generazione e la previsione di nuovi contenuti”)

movimento delle tende (“Il movimento di studenti universitari, principalmente fuori sede, che, per protesta contro il caro affitti, manifesta in piazza creando un accampamento di tende”)

oblio oncologico (“La forma di tutela, a favore di chi è stato malato di cancro, che abolisce l’obbligo di dichiarare di essere stati pazienti oncologici dopo un periodo di tempo indicato dalla legge, al fine di impedire forme di discriminazione legate alle condizioni di salute, come per esempio al momento di stipulare un’assicurazione sulla vita, richiedere un prestito o accendere un mutuo”)

orbanizzare (“Conforme ai modelli, alle proposte e alle scelte del politico Viktor Orbán”)

pizzo di Stato (“L’insieme dei tributi pagati allo Stato, interpretato come una forma di taglieggiamento mafioso)

pregiudizio algoritmico (“Il contenuto etico o ideologico distorto o discriminatorio [per es. verso le fasce più fragili della popolazione] processato da un algoritmo nella fase di raccolta massiva dei dati e poi generato automaticamente”)

privatocrazia (“In senso polemico, il sistema istituzionale, politico ed economico che amministra il pubblico tramite il privato”)

pull factor (“Secondo alcune interpretazioni politiche, l’insieme dei fattori economici, politici e sociali che attrarrebbero la migrazione verso Paesi in condizioni sociali, economiche, politiche, ambientali, più favorevoli rispetto ai Paesi di origine”)

skin shaming (“La derisione di una persona per gli inestetismi della pelle, espressa spec. sui social media)

transilienza (“La capacità di elaborare e sviluppare risorse e competenze trasferibili tra professioni, funzioni e ruoli diversi”)

underdog (“Chi, partecipando da sfavorito a una competizione, sportiva o extrasportiva, riesce a sovvertire i pronostici”)

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi