Home Cronaca Il delitto del «paladino anti caporalato», teste chiave: li ho visti fuggire...

Il delitto del «paladino anti caporalato», teste chiave: li ho visti fuggire da quella casa

528 views
0

Caltanissetta – Lui stesso, scampato probabilmente a un agguato, avrebbe visto in faccia gli assassini di un suo connazionale. Del trentaduenne Adnan Siddique ucciso, per l’accusa, da un commando di pakistani per avere guidato una battaglia anti caporalato.

È stato il teste chiave, deponendo durante l’incidente probatorio, a raccontare quello che sarebbe accaduto la notte del delitto e qualche sera prima a sue spese.

Quando lui stesso sarebbe stato rapito da un gruppo di pakistani – lo stesso arrestato per l’omicidio Siddique e per una successiva ma correlata inchiesta sul caporalato – e poi trasferito in un’abitazione di Canicattì.

Lì la banda lo avrebbe prima picchiato e poi lo avrebbero costretto a telefonare al fratello, in patria, perché consegnasse a un loro uomo di fiducia una riscatto di 3 mila euro. Soltanto dopo l’ostaggio sarebbe stato rilasciato.

Poi la vittima di estorsione avrebbe denunciato tutto ai carabinieri, ma i suoi aguzzini ne sarebbero venuti a conoscenza. E la notte dell’omicidio Siddique, il commando avrebbe prima bussato alla porta di casa sua – al piano di sopra rispetto l’abitazione della vittima – ma lui avrebbe finto di non essere in casa.

Gli altri sarebbero poi scesi al piano di sotto e in quell’appartamento nel cuore del centro storico nisseno è stato ucciso Adnan. “Colpevole”, secondo gli assassini – questa è la tesi accusatoria – di avere appoggiato suoi connazionali per ribellarsi a quelli che gli inquirenti hanno indicato come una organizzazione paramafiosa che avrebbe gestito il reclutamento di pakistani nei campi. Per sfruttarli.

E lui stesso, il teste chiave che ha deposto al cospetto del gip durante l’incidente probatorio, ha sostenuto di essere stato assoldato da un paio di suoi connazionali e che uno di questi avrebbe poi praticato la cresta sulla sua paga giornaliera che sarebbe stata, al netto di 30 euro. Il resto sarebbe stato costretto a consegnarlo agli altri.

Subito dopo l’uccisione di Siddique, il teste si sarebbe affacciato al balcone urlando contro i presunti uccisori che stavano fuggendo via.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi