Home Cronaca Inchiesta «Buche d’oro», scarcerato imprenditore

Inchiesta «Buche d’oro», scarcerato imprenditore

315 views
0

Caltanissetta – È di nuovo un uomo libero l’imprenditore nisseno coinvolto nell’inchiesta «Buche d’oro», che ha interessato anche funzionari dell’Anas.

Il cinquantaseienne imprenditore nisseno Salvatore Truscelli – assistito dagli avvocati Boris Pastorello e Mirko La Martina – ha lasciato gli arresti domiciliari.

Il provvedimento è stato emesso dal tribunale del riesame di Catania perché è dalla procura etnea che è stata coordinata l’indagine della guardia di finanza.

Secondo lo stesso tribunale, che ha condiviso le argomentazioni della difesa, non sussistono più esigenze di custodia cautelare.

L’impresario è accusato di avere pagato tangenti per un appalto dell’Anas. In particolare interventi alla cosiddetta Orientale sicula tra Villasmundo e Siracusa.

In due tranche avrebbe consegnato a funzionari Anas due mazzette, una di 10 mila euro, l’altra di 20 mila euro. sarebbero stati una quota dei 60 mila euro che – secondo la tesi accusatoria – avrebbe dovuto pagare per quell’appalto di 560 mila euro.

Sarebbero state telecamere installate dalle fiamme gialle negli uffici dell’Anas di Catania, a immortalare la presunta consegna di denaro da parte dell’imprenditore nisseno a funzionari dello stesso Ente nazionale per le strade.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi