Home Tecnologia La canzone perfetta esiste: ecco come si scopre

La canzone perfetta esiste: ecco come si scopre

178 views
0

Probabilmente se lo sono chiesti in tanti, ma un brano musicale perfetto che tende al successo esiste? Se dovessimo rispondere immediatamente diremmo di no, eppure una recente ricerca che è stata portata a termine da parte del casinò online Betway ha cercato di ricostruire quali possono essere gli ingredienti per realizzare un simile risultato.

Nel corso della pandemia e dei lockdown, diversi artisti hanno saputo sfruttare questo tempo in cui concerti e date di uscita degli album sono stati rimandati o annullati, per poter realizzare nuovo materiale che i fan potranno ammirare o apprezzare nel corso dei prossimi anni. Così, quasi per diletto, il blog L’insider ha pubblicato una ricerca in cui si vuole provare a capire la tipologia di canzoni che riusciranno ad avere successo.

Gli elementi tecnici di un brano

Per poter comprendere nel migliore dei modi quali siano effettivamente le caratteristiche che deve avere una canzone per poter ambire al successo, serve chiaramente realizzare una sorta di formula definitiva che, però, varia da Paese a Paese.

In primo luogo, si deve partire dalla chiave, ovvero la scala maggiore o minore su cui è basato un brano musicale. Giusto per fare un esempio una canzone che viene proposta in chiave di Do maggiore si caratterizza per basarsi su sette note che fanno parte della scala DO maggiore.

Un altro aspetto fondamentale che si deve tenere in considerazione è indubbiamente rappresentato dal tempo. Il tempo di una canzone, infatti, la cui misurazione si verifica in battiti al minuto, in inglese si parla di BPM, offre la possibilità di comprendere meglio la velocità del battito che sta alla base di un brano musicale.

Un gran numero di persone sono fermamente convinte che ci sia una sorta di analogia tra il battito del cuore e il battito di una canzone. Giusto per fare un esempio anche in questo caso, un battito al secondo è pari a 60 BPM, invece due battiti al secondo equivalgono a 120 BPM.

Interessante notare un altro aspetto che può fare inevitabilmente la differenza ed è rappresentato dal metro di una canzone, che equivale ai battiti che si trovano all’interno di una sola battuta, ovvero misura, di un determinato brano musicale. Non solo, dal momento che permette di capire anche il valore della nota che vale una battuta. Nella musica popolare il metro maggiormente impiegato è senza dubbio quello 4/4, lo stesso che troviamo nelle canzoni che fanno parte di vari generi, tra cui pop, rock, country e funk.

Le emozioni trasmesse dalle canzoni

Se è certamente interessante cercare di capire le varie caratteristiche tecniche di una canzone, è ancora più importante, in ottica di successo e di vendite effettive, le sensazioni che, tramite quel brano, vengono trasmesse di fatto a chi lo ascolta.

Nella ricerca che è stata svolta dal blog L’insider, si è utilizzato anche Tunebat per poter valutare e studiare ogni canzone e cercare di capire quale fosse il grado di energia, ma anche quanto fosse ballabile, per provare a delineare una serie di trend nei vari Paesi. Giusto per fare un esempio, una canzone dance ha certamente un numero di chance maggiore di raggiungere il primo posto in classifica nel Regno Unito e non negli Stati Uniti.

Proviamo ad analizzare i due fattori chiave appena delineati, ovvero ballabilità ed energia. Nel primo caso, si tratta di una misura che può aiutare a capire quanto un brano viene considerato bello in merito a una combinazione di aspetti, tra cui tempo, forza ritmica e stabilità del ritmo, mentre nel secondo caso si tratta della percezione che viene data dal brano a livello di attività e intensità.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi