Home Cronaca L’assessore Lo Conte “Il 26 marzo per il Fai a Mussomeli...

L’assessore Lo Conte “Il 26 marzo per il Fai a Mussomeli e si aprono le porte del borgo di Polizzello e del castello”

1.246 views
0

Mussomeli – La Delegazione FAI di Caltanissetta quest’anno aprirà a Mussomeli  due luoghi ai visitatori per far conoscere l’inestimabile patrimonio culturale siciliano. Domenica 26 marzo, infatti, i volontari della Delegazione FAI di Caltanissetta si trasferiranno nel territorio di Mussomeli, per aprire ai visitatori due luoghi di ineguagliabile bellezza. Il Castello Manfredonico, definito dalla Soprintendente Daniela Vullo uno degli esempi più straordinari di architettura tardo medievale, accoglierà i visitatori in un percorso emozionante tra storia e leggende, condotto da narratori in abiti d’epoca. Il secondo sito aperto sarà il Borgo di Polizzello con l’adiacente Area Archeologica: una prima assoluta, questa, che permetterà agli Apprendisti Ciceroni di narrare di una Sicilia diversa, arcaica, che non vediamo l’ora di conoscere tutti. A Polizzello, invece, si racconterà la vita rurale del borgo fondato dalla nobile famiglia Lanza, che riprenderà vita dopo anni di restauri. Gli studenti saranno accompagnati da una performance teatrale del Centro Arnia diretto da Giuseppe Navarra. L’apertura dei due siti del FAI a Mussomeli per le giornate di Primavera è stata possibile, come affermato anche dal Capo Delegazione, Giulia Carciotto, solo grazie alla sinergia tra società civile e istituzioni, che permette di ottenere risultati straordinari e inaspettati. Queste giornate non sarebbero state però possibili senza la partecipazione attiva ed entusiasta di centinaia di studenti, provenienti da istituti diversi, e dal sostegno offerto generosamente dagli impareggiabili ed encomiabili docenti e dai dirigenti scolastici degli Istituti scolastici “HODIERNA e VIRGILIO. Come evidenziato dal Sindaco On.le Giuseppe Catania nella conferenza stampa svoltasi lunedì 20 marzo 2023 a Caltanissetta,  alla presenza del Capo delegazione di Caltanissetta FAI Giulia Carciotto, del Soprintendente Dott.ssa Vullo, del Direttore del Parco Archeologico di Gela Luigi Gattuso,  accolti dal Sindaco del Comune di Caltanissetta Roberto Gambino, in questa occasione  si è reso possibile “un modello scalabile che mette insieme il privato, il terzo settore, i Comuni dell’entroterra e le istituzioni che hanno come obiettivo quello di tutelare, valorizzare e promuove il nostro patrimonio culturale”. “Il risultato di queste sinergie – spiega l’assessore al turismo  Seby Lo Conte –  determina la valorizzazione delle bellezze spesso poco conosciute del nostro territorio, generando un’esperienza di cittadinanza attiva che ha acceso e rinnovato l’amore per l’arte in un territorio che ne è ricco.  L’amministrazione Comunale di Mussomeli nella persona del Sindaco On.le Giuseppe Catania, ha messo in campo le migliori energie e risorse della città, collaborato da me e dai miei colleghi assessori, Jessica Valenza, Michele Spoto, Daniele Frangiamore, Toti Nigrelli e dal Presidente del consiglio comunale Gianluca Nigrelli. Un ringraziamento particolare va all’ingegnere Francesco Canalella, ai responsabili dell’area tecnica, ing. Carmelo Alba, amministrativa, dott.ssa Antonella Cordaro, al dipendente Catsiglione Calogero, agli impiegati della manutenzione, verde pubblico, manutenzione elettrica, al mio ufficio turistico, magistralmente diretto da Mariella Luvaro, agli abitanti del borgo Polizzello, in particolare alle famiglie Spoto e Sorce . La giornata è il risultato di una sinergia perfetta tra pubblico, terzo settore e privati. Si evidenzia a tal proposito il prezioso contributo ed apporto scientifico del Soprintendente ai Beni Culturali ed Architettonici di Caltanissetta Daniela Vullo; del Direttore del Parco Archeologico di Gela Luigi Gattuso; della Pro Loco di Mussomeli, CRI e Polizia Locale. Un sentito ringraziamento ai Dirigenti degli istituti scolastici coinvolti, ai docenti e formatori e tutti gli studenti che hanno scelto di prendere parte a questo meraviglioso progetto di accendere i riflettori sul patrimonio culturale del nostro Comune. Domenica 26 marzo 2023 sarà il racconto della nostra millenaria cultura siciliana attraverso la voce e il cuore dei nostri giovani studenti nello scenario incantevole e stupefacente del Vallone nisseno”.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1.8 / 5. Vote count: 4

Vota per primo questo articolo

Condividi