Home Cronaca L’avvocatura scende in piazza, volantini ai cittadini per dire «no» alla riforma

L’avvocatura scende in piazza, volantini ai cittadini per dire «no» alla riforma

272 views
0

Caltanissetta – La protesta dell’avvocatura s’è fatta eclatante. Ora è scesa in piazza. Da una settima v’è l’astensione totale da ogni udienza, eccezion fatto per quelle in cui prevale, a giudizio dei giudici, la ragionevole durata del processo.

Si sono ritrovati in strada, indossando la toga, per distribuire ai ci un volantino che sintetizza le ragioni della loro protesta. Che, socialmente, è fondata sul «no», alla sospensione della prescrizione dopo la sentenza di primo grado prevista dalla riforma che entrerà in vigore dal primo gennaio.

«Così – ha spiegato il presidente della camera penale nissena, l’avvocato Sergio Iacona – i processi si allungano dall’infinito, ma solo perché non si è in grado di farli celebrare in tempi celeri».

E tra le ragioni del dissenso spiegato nel volantino che è stato distribuito alla gente v’è un passaggio in cui è stato rimarcato che «non è vero che i processi si prescrivono per colpa della difesa: quando la difesa chiede un rinvio i termini di prescrizione si sospendono».

E si va oltre spiegando che «i processi si prescrivono perché le indagini preliminari durano anni. i magistrati sono pochi,  si prescrivono per errori di notificazioni che il cittadino subisce, per assenza dei testimoni citati, perché  muta il giudice, che fa valere la sua autonomia e inamovibilità, causando l’azzeramento delle attività già compiute».

Mentre, di contro, è stato sottolineato che «gli avvocati hanno interesse a percepire gli onorari nel processo che non si prescrive».

La mobilitazione dell’avvocatura proseguirà anche nelle prossime settimane per osteggiare la nuova riforma e tentando di coinvolgere le forze politiche.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi