Home Politica Mafia, droga e omicidi; 18 condanne in appello e un solo assolto

Mafia, droga e omicidi; 18 condanne in appello e un solo assolto

2.138 views
0

Caltanissetta – Diciotto condanne e un’assoluzione nel processo alla “mafia di Riesi”. Così si è chiuso il processo d’appello, celebrato con rito abbreviato, a carico dei coinvolti nell’inchiesta dei carabinieri ribattezzate «De Reditu».

Confermato il carcere a vita per Giuseppe Cammarata figlio del capomafia di Riesi Pino Cammarata, 26 anni per  Massimo Amarù, 20 anni a Gaetano Forcella, 20 anni in continuazione per  Rosolino Li Vecchi , 14 anni al collaboratore di giustizia riesino, Carmelo Arlotta che sono stati chiamati in causa, a vario titolo, per i delitti di Angelo Lauria, Michele Fantauzza, Carmelo Pirrello, Pino Ferraro e il  fallito agguato a Salvatore Pasqualino.

Per quanto riguarda gli altri imputati accusati, a  vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, armi, furto e droga,            sono stati comminati 20 anni di carcere  a  Daniele Fantauzza ritenuto personaggio chiave; Gaetano Lombardo  e Rosario Marotta  con 6 anni ciascuno; un anno e 4 mesi a Filippo Riggio e Filippo Tambè; 7  anni e 8 mesi ciascuno a Angelo, Gaetano e Rocco Ficicchia, Ezio  Fantauzza e Giuseppe Di Buono; Michelangelo Amorelli con 10 anni e 8 mesi; 2 anni a   Giuseppe Montedoro che aveva rimediato 6 anni in primo grado  e Calogero Altovino coin 9 anni e 4 mesi.

Il solo assolto è Calogero Calafato – assistito dagli avvocati Giampiero e Alfonso Russo –  a fronte di una condanna a 8 anni rimediata in primo grado.

I diciannove imputati   – difesi dagli avvocati  Vincenzo Vitello, Carmelo Terranova, Danilo Tipo, Cinzia Bellomo, Giovanni Maggio, Giovanni Pace,  Antonio Gagliano, Valerio Rizzo, Giuseppe Di Legami, Sergio Luceri, Giuseppe La Barbera e Simona Celere – nel luglio del 2018 sono stati arrestati tra le pieghe  del blitz dei carabinieri.

Sono stati pure condananti al pagamento dei danni in favore delle parti civili – assistite dagli avvocati Annalisa Petittio, Boris Pastorello, Claudio Testa, Walter Tesauro, Oriana Limuti, Maria Giambra, Giuseppe Trigona, Maria Elena Ventura, Anna Maria Sardella e Giovanni Vetri – in concreto i familiari delle vittime e il Comune di Riesi.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 4.2 / 5. Vote count: 6

Vota per primo questo articolo

Condividi