Home Cronaca Mafia e soldi sporchi, sequestrati beni per 300 mila euro a commerciante...

Mafia e soldi sporchi, sequestrati beni per 300 mila euro a commerciante di auto e moto a Vallelunga

1.034 views
0

Vallelunga Pratameno – Sequestrati beni a un commerciante d’auto di Vallelunga e suoi familiari. La misura, eseguita dalla squadra mobile di Caltanissetta su decreto della sezione misure di prevenzioni  patrimoniali del tribunale, è scattata sull’onda dell’inchiesta antimafia ribattezzata «Bella Vita».

Destinatario del provvedimento è il quarantaseienne vallunghese Fabio Meli – assistito dall’avvocato Danilo Tipo – commerciante di auto e moto, ritenuto appartenente alla cosca mafiosa del mandamento di Vallelunga.

È di 300 mila euro il valore dei beni che gli sono stati “requisiti” . Dell’elenco fanno parte un’impresa individuale a Caltanissetta per la vendita di auto e moto usate, quattro fabbricati e un terreno,  sempre nell’area Nissena e, ancora,  tre rapporti finanziari.

È stata la profonda sproporzione tra redditi dichiarati e  possedimenti a fare scattare l’indagine condotta dalla divisione anticrimine della polizia , incrociando banche dati e situazione dell’indagato in banche e compagnie di assicurazione con cui lo stesso ha rapporti.

Le indagini avrebbero consentito alla polizia di appurare che sui suoi conti correnti o di familiari sarebbe finiti fiumi di quattrini che, secondo la tesi investigativa, sarebbe di provenienza illecita. Da qui la richiesta, da parte del procuratore di Caltanissetta, Salvatore De Luca e del questore Pinuccia Albertin a Agnello, girata al tribunale con la richiesta di applicazione della misura patrimoniale.

Meli ha già sul groppone condanne non più appellabili per riciclaggio, furto, atti persecutori, violenza privata, minacce e danneggiamento aggravato di auto.

La sua ultima disavventura giudiziaria risale al giugno di tre anni fa quando è stato tra i sette arrestati del blitz antimafia ribattezzato «Bella Vita», che avrebbe anche smascherato il presunto nuovo reggente di Cosa nostra nissena. Il processo legato a questa inchiesta è attualmente in corso in tribunale a carico di dieci imputati accusati, a vario titolo, di mafia, estorsioni, associazione e spaccio e singoli episodi di cessione di droga.

Meli, in particolare, secondo l’impianto accusatorio, avrebbe fiancheggiato l’organizzazione mafiosa e si sarebbe occupato di pizzo e droga, raccogliendo pure soldi da destinare ai familiari dei mafiosi detenuti.

Su lui, in particolare, pendono le ipotesi di associazione mafiosa, estorsioni, associazione finalizzata allo spaccio e singoli episodi di spaccio di

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.5 / 5. Vote count: 4

Vota per primo questo articolo

Condividi