Home Cronaca Margaret Twomey, ambasciatrice d’Austalia in visita a Mussomeli

Margaret Twomey, ambasciatrice d’Austalia in visita a Mussomeli

465 views
0

Mussomeli – L’ambasciatrice d’Austalia Margaret Twomey in visita a Mussomeli. E’ stato sicuramente il richiamo del sangue patrio a portare l’ambasciatrice australiana nella sperduta terra di Manfredi ma altrettanto sicuramente la straordinaria esperienza di Danny McCubbin e l’enorme risonanza mediatica riscossa proprio dal caso Danny -il disertore appunto, piccolo di statura ma dal cuore enorme- che, attratto dalla politica case a 1euro a Mussomeli, qui alberga con il suo the good kitchen e la comunità di bisognosi -e non- che attorno a lui si stringe. Accolta dal sindaco Catania, dal presidente del Consiglio Gianluca Nigrelli e dell’assessore al Turismo Sebastiano Lo Conte, la diplomatica, domenica scorsa, ha voluto toccare con mano e perchè no? anche col palato l’esperimento sociale che Danny McCubbin porta avanti con successo nella piccola -ma nota- comunità dell’entroterra nisseno. L’ambasciatrice era stata ricevuta in visita ufficiale a Catania venerdì scorso dal prefetto Maria Carmela Librizzi con la quale ha discusso dello stretto legame fra i due Paesi, grazie anche alla radicata presenza di immigrati italiani. Fatto sta che all’avvenente politica, dai caratteri tutt’altro che meridionali, cinquantanove anni e una laurea all’Università di Melbourne al suo attivo, è venuto il desiderio di approfondire la conoscenza di queste realtà, nell’aria rarefatta e un per così dire insolita della montagna. E fu qui che ad accoglierla, trovò non solo le istituzioni deputate al ruolo ma anche una calorosa comunità di “fedeli” che le hanno contagiato così tanta voglia di socializzazione che -chi poteva aspettarselo!- la visita -ufficiosa sempre lo ricordiamo- si trasformò in una ballata a cielo aperto. Da una -algida- dignitaria dell’emisfero australe poi… manco a dirlo! Poichè algida… deve esserlo… per forza. “Femmina” e dignitaria di alto rango. lo ricordiamo a costo di essere ripetivi. Poichè se in fatto di ospitalità i mussomelesi -alias “Pietro e Paolo” di popolare memoria- non sono secondi a nessuno, in fatto di pregiudizi -come ogni piccola comunità che si rispetti… ahinoi!- non si lasciano certo fregare il primato. Ma così non fu. E sempre l'”algida” bionda -longilinea per aggravante di reato- si è sorpresa -sorprendendo- a ballare e cantare in quei meandri del centro storico tanto cari all’opinione pubblica locale dove per un attimo la regina degli oceani dagli occhi color del mare ha trovato il suo totem. In pantalone nero e blusa vagamente animalier, l’ambasciatrice posa sorridente, fra le pareti di casa Danny, tenendo fra le mani un piatto ricordo di Mussomeli e del suo castello. La visita ufficiosa sì ma storica nondimeno è stata immortalata da Franco Amico.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 2 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Condividi