Home Cronaca Mussomeli, conclusi i Pon all’«Hodierna»: cerimonia all’auditorium “Zucchetto»

Mussomeli, conclusi i Pon all’«Hodierna»: cerimonia all’auditorium “Zucchetto»

636 views
0

Mussomeli – Integrazione, condivisione e sensibilizzazione dei giovani studenti. Questo l’obiettivo dei progetti sviluppati dall’istituto «Giovan Battista Hodierna» di Mussomeli rientranti nel programma operativo nazionale e che hanno coinvolti gli studenti di tutti gli indirizzi. È appena andata in archivio, tra l’altro, la piantumazione dell’albero della legalità. E la chiusura di tutti i Pon  è stata al centro di una cerimonia all’auditorium “Zucchetto».

 «Scopo del Pon “Attività teatrale a Mussomeli’, un percorso di apprendimento e di costruzione di un itinerario  – ha spiegato l’insegnante Rosalia La Tona – è stato motivo di crescita per tutti…così, incontro dopo incontro, alcuni alunni hanno cercato in vario modo di affrontare e vincere la propria timidezza, altri si sono messi in gioco recitando le parti più impegnative del testo, ma sicuramente tutti gli alunni hanno imparato qualcosa e hanno insegnato tanto anche agli insegnanti».

Nel ruolo di docenti esperti e tutor sono stati gli insegnanti Salvatore Daniele Mingoia e Antonio Gallo, Maria Patrizia Cagnina e Francesco Amico, Rosalia La Tona e Maria Schifano, Rita Sferlazza e Nunzia Maria Messina, Filomena Maria Felce e Giovanna Milazzo, Vincenzo Alaimo, Concetta Alaimo e Giuseppe Carrubba.

Gli attestati agli studenti sono stati consegnati alla presenza alla presenza del direttore dell’Agenzia delle entrate, Michele Sacheli,.

E i temi al centro di ogni progetto sono stati sottolineati dagli stessi ragazzi con monologhi, canti, video e altre esibizioni ancora.

«L’arte – è stato spiegato – ha veicolato messaggi sull’uguaglianza: la diversità è colore, cultura, ricchezza scambio, crescita, necessità… è un bene da tutelare… attraverso la drammatizzazione i ragazzi hanno recepito l’importanza delle problematiche trattate riuscendo a realizzare l’obiettivo dell’inclusione».

A seguire è stato piantumato dinanzi l’ingresso della scuola dell’albero della legalità.  Momento che ha sugellato un percorso iniziato il 20 novembre scorso quando una rappresentanza degli studenti dell’«Hodierna», guidata dalle docenti Giovanna Milazzo e Marilena Felce, è stata presente a Palermo per la «Giornata della festa dell’albero Gemme di legalità» nell’Aula Bunker dell’Ucciardone. Luogo scelto non a caso ma perché lì si è celebrato il maxi processo ai vertici di Cosa nostra, procedimento che era stato istruito dai magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino uccisi nelle stragi del ‘92.

In quell’occasione alla rappresentanza dell’istituto è stata consegnata una delle prime cento “gemme della legalità” dell’albero Falcone, talee estratte dal ficus che campeggia davanti l’abitazione di Falcone, a Palermo, divenuto simbolo del riscatto civile.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.7 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Condividi