Home Cronaca Mussomeli, va agli arresti in casa dopo una «notte brava»

Mussomeli, va agli arresti in casa dopo una «notte brava»

400 views
0

Arresti domiciliari per un mussomelese protagonista di una notte più che movimentata. Una «notte brava» che, alla fine, lo ha cacciato nei guai.

Sì, perché poi – su disposizione della magistratura – è stato arrestato dai carabinieri perché accusato di danneggiamento e lesioni.

È il trentenne di Mussomeli, Pasqualino Amico – assistito dall’avvocato Giovanni Di Giovanni – che al termine dell’udienza di convalida ha ottenuto dal giudice Santi Bologna gli arresti domiciliari.

È nello scorso fine settimana che il trentenne si è cacciato in grosse grane. I problemi per lui sono iniziati quando la sua strada s’è incrociata con quella di una pattuglia dei carabinieri.

Lui, alla guida della sua auto, stava viaggiando verso casa. A un certo punto avrebbe dovuto svoltare ma proprio in quella zona, in quel momento, sarebbero stati fermi i militari.

D’improvviso, secondo la ricostruzione investigativa, il giovane avrebbe perso il lume della ragione iniziando a inveire contro i componenti la pattuglia.

Ma non è tutto. Perché, sempre secondo l’accusa, li avrebbe pure aggrediti. E non soltanto avrebbe, seppur leggermente, ferito i militari, ma avrebbe anche provocato danni alla loro auto di servizio.

A quel punto è stato bloccato. Poi ne è seguita una perquisizione. E in quei frangenti sarebbe saltata fuori un po’ di droga. Un piccolo quantitativo.

In particolare gli sono stati trovati un paio di grammi di marjuana ritenuta destinata all’uso personale. Sostanza che, ad ogni modo, gli è stata sequestrata.

Nell’udienza di convalida che ne è seguita, la difesa ha chiesto la libertà, mentre la procura ha proposto i domiciliari. E il giudice, nel convalidare il provvedimento restrittivo, ha disposto gli arresti in casa di Amico

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi