Home Cronaca «No all’autonomia differenziata», il 15 aprile manifestazione regionale a Caltanissetta: appello degli...

«No all’autonomia differenziata», il 15 aprile manifestazione regionale a Caltanissetta: appello degli organizzatori a partecipare

199 views
0

Caltanissetta – Il «no all’autonomia differenziata» si leverà forte da Caltanissetta. Già, perché il secco rifiuto a questa norma sarà al centro di una manifestazione di protesta a livello regionale in programma proprio a Caltanissetta. E dai promotori s’è levato l’appello per una massiccia partecipazione popolare.

L’appuntamento è per sabato 15 aprile in piazza della Repubblica. L’iniziativa è a cura Cgil, Uil , Anpi, Arci, Ali Autonomie, Legacoop e Uisp.

“L’autonomia differenziata – hanno spiegato gli organizzatori della protesta – è un attacco all’unitarietà dei diritti sociali e accrescerà i divari territoriali. Mentre l’Unione europea con il Pnrr dà indicazione di colmare i profondi divari già esistenti tra le diverse aree geografiche, il governo si muove in direzione opposta. L’allentamento dei vincoli di solidarietà nazionale creerà un circuito vizioso di cui pagheranno alto il prezzo le regioni meridionali ma anche lo Stato nel suo complesso».
Da qui l’esortazione di Cgil, Uil , Anpi, Arci, Ali Autonomie, Legacoop e Uisp «per dire con forza e coralmente no all’autonomia differenziata, l’anticamera della disgregazione del Paese».

«Piuttosto – è stato rimarcato – bisogna chiedere invece misure per lo sviluppo della Sicilia, per dare prospettive e futuro alle giovani generazioni e ai siciliani tutti».

Ed è stato posto l’accento sulla percentuale dei bimbi che in Sicilia fruisce del tempo pieno a scuola con un meno 40 per cento rispetto al nord, o i 4 miliardi destinati per l’istruzione l’isola contro i 7 della Lombardia e, ancora, i trasferimenti ad amministrazioni pubbliche con un gap del 34 per cento in meno sempre rispetto alla Lombardia così come impari è il confronto tra le due stesse regioni in materia di risorse per il settore pubblico allargato per chiudere con la sanità con un divario di un miliardo di euro.

E per fare salire alta la voce del «no» contro la stessa autonomia differenziata, s’è levata forte la chiamata a una partecipazione di massa alla manifestazione nel cuore di Sicilia.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi