Home Cronaca Pedopornografia, scoperto e arrestato un impiegato

Pedopornografia, scoperto e arrestato un impiegato

1.283 views
0

Sommatino – È da una denuncia di violenza sessuale presentata dalla madre di un minorenne nell’agosto dello scorso anno alla procura nissena, che è partita l’indagine.

Quella che adesso ha fatto scattare una ordinanza di custodia cautelare in carcere per un cinquantatreenne di Sommatino.

Ed a lui gli inquirenti hanno adesso contestato le ipotesi di violenza sessuale, pornografia minorile e adescamento di minorenni.

L’arrestato, secondo la tesi accusatoria, la scorsa estate, dopo aver adescato un sedicenne, lo avrebbe spinto a  compiere atti sessuali abusando delle condizioni d’inferiorità psichica del ragazzino.

La squadra mobile, tra le pieghe dell’indagine, avrebbe scoperto che l’impiegato avrebbe avuto rapporti omosessuali e, peraltro, avrebbe pure confidato a qualcuno delle sue preferenze per i minorenni, anche sotto i quattordici anni.

Dalle indagini sarebbe emerso che prima, per conquistare la loro fiducia, l’uomo si sarebbe un po’ genericamente interessato a loro, dei loro hobbies, per arrivare a loro curiosità sessuali. Giusto per entrare un po’ più in intimità con loro.

Poi, dopo aver avviato le relazioni attraverso Messenger, Whatsapp e altre app simili, fatte di scambi di messaggi, lusinghe e foto a sfondo sessuale, il cinquantatreenne si sarebbe lasciato andare ad avances più esplicite, fino a proporre ai ragazzini incontri reali per atti sessuali.

Pioi, secondo l’accusa, gli incontri si sarebbero consumati o in casa sua o nella sua auto. In altri casi ancora attraverso videochiamate.

Avrebbe ricorso a stratagemmi con i ragazzini, invitandoli a vedere la sua collezione di modellismo, a giocare con videogiochi, a consumare alcool o a fumare. A volte li attirava proponendo un giro in auto. Poi li avrebbe spinti a tacere sulle loro conversazioni in chat e sullo scambio di fotografie.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 4 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi