Home Cronaca Per la 14enne Sofia Castiglione, poetessa prodigio, posto d’onore alla 25ª edizione...

Per la 14enne Sofia Castiglione, poetessa prodigio, posto d’onore alla 25ª edizione del Premio “Alessio Di Giovanni”

1.157 views
0

Mussomeli – Lo abbiamo già scritto che il talento non è acqua ma repetita iuvant e la quattordicenne Sofia Castiglione continua a mietere successi letterari. Da ultimo il posto d’onore alla venticinquesima edizione del Premio “Alessio Di Giovanni” dove si è classificata seconda al concorso per la poesia in italiano, con la composizione “Il linguaggio di un fiore”.
“Vedo il coraggio di una gemme di ciliegie/candida, maestosa, animosa. /Vedo l’energia di un girasole baciato dai raggi/li guarda senza pavento e cresce per sfiorarli./ Vedo la gentilezza di una rosa rosa: affabile, recondita, nobile./ Vedo il mio nome con polline di mimosa: Donna/ Risplende.” Così si conclude la sua poesia e questa è la motivazione della giuria con cui vengono riconosciute alla giovanissima scrittrice e poetessa di Mussomeli le sue indubbie doti letterarie: “La poetessa, attraverso una raffinata contemplazione della bellezza della natura, utilizzando con sapienza e maestria il lessico botanico, crea un’originale e suggestiva comparazione tra le qualità umane e la
morfologia dei fiori.” Felice ovviamente Sofia e i suoi genitori, mamma Cinzia e papà Carlo, che da sempre hanno assecondato la sua passione per i libri non negandole certo il piacere di leggere, al contrario, anzi, assecondandola a tutto spiano, al punto che Sofia ha letto e continua a leggere di tutto. E quando nei giorni scorsi le è stato suggerito di leggere “Il mondo di Sofia”, capolavoro di Jostein Gaarder, testo non certo adatto ai giovanissimi, lei ha sorpreso l’interlocutore con un sorriso amabile e ha risposto semplicemente: “Già letto.” Sofia non compirà 14 anni il prossimo 20 settembre, ha appena completato la terza media, ma ha cominciato a nutrire curiosità e grande attrazione per la letteratura sin dalla tenera età, collezionando fiabe e favola e ogni volume che le capitava sottomano diventava un intero mondo da scoprire. Lo studio del pianoforte ha accompagnato le sue giornate caratterizzate dalla scoperta di mondi nuovi e poi, a nove anni, si è cimentata con la scrittura. E i risultati continuano a premiarla. Col racconto breve Gocce di mondo ottiene la menzione d’onore ed è inserito nell’antologia “La mia vita al tempo del Covid 19”. Nei mesi scorsi ha trionfato la sua poesia “So cosa ti ha spinto”, dedicata a Peppino Impastato, al concorso “Le Tracce del Tempo” organizzato da Casa Memoria di cui è presidente Luisa Impastato. “Peppino, so perché l’hai fatto./Il male non danza nel vento, lo contrasta./Il bene non è una stilla in un immenso Oceano./È l’Oceano./ Poggio la penna sul foglio saturo di parole./ Lo ripiego, apro la finestra./ A portarlo sarà il vento.” Sofia si è anche confrontata col romanzo ed ha già scritto delle opere che potrebbero vedere presto la luce, a riprova, come dicevamo in premessa, di un talento precocissimo. (Roberto Mistretta)

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.2 / 5. Vote count: 5

Vota per primo questo articolo

Condividi