Home Cronaca Pesante invettiva di Domenico Messina contro la trazzera e discarica Mussomeli-Caltanissetta

Pesante invettiva di Domenico Messina contro la trazzera e discarica Mussomeli-Caltanissetta

1.431 views
0

Mussomeli – “Vorrei evidenziare l’inciviltà, la maleducazione, la somiglianza del genere umano a quello animale (per certi aspetti gli animali sono molto più civili) … ” Esordisce così la pesante invettiva di Domenico Messina sui social, che subito dopo, viene estesa dallo stesso Messina, al giornale con preghiera di diffonderne il contenuto. Bersaglio dell’aspra polemica la famigerata SP. 38, ai più nota per i disagi legati alla sua (im)percorribilità e ancora una volta oggi, salita alla ribalta della cronaca per la discarica a cielo aperto che si è venuta a creare al bivio Borgo Palo, nei pressi dell’edicola votiva, più testimone di calvario che simulacro di fede, almeno di quella più intimamente legata alle humanae cose, poichè di quelle divine le strade… si sa… sono infinite!. Aspettative legittime in fin dei conti, come quella di vivere e muoversi in un ambiente pulito e incontaminato. Messina non è certo nuovo della questione tant’è che è lui stesso a scrivere che “taluni soggetti” -per i quali non risparmia toni e attributi pesanti- ormai non fanno più notizia”. A scandalizzare invece “il totale menefreghismo e disinteresse di Istituzioni e Forze dell’Ordine che, per via della mancata presenza sul territorio, permettono a questi soggetti di agire indisturbati piuttosto che essere rintracciati. “Cosa che” prosegue il pendolare, “sarebbe assolutamente fattibile se solo lo si volesse e assegnare loro la giusta pena, di qualsiasi natura”. Conclude poi con accorato appello alla urgente, nonché necessaria, operazione di bonifica lungo il tratto di cui sopra per la quale assicura la personale disponibilità, qualora si dovesse ritenere utile attività di volontariato.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 4.5 / 5. Vote count: 13

Vota per primo questo articolo

Condividi